La riabilitazione della vita quotidiana

La competenza nella cura di sé e nelle incombenze della vita personale e quotidiana, e la competenza nelle capacità sociali costituiscono due aree dell’esperienza che non possono essere astrattamente separate. Ciò nonostante, l’accentuazione dell’una o dell’altra dimensione corrisponde a un dato di fatto dell’esistenza individuale e richiede la predisposizione di percorsi riabilitativi specifici.

Calore e intimità nella vita quotidiana

Comunità Protetta ad Alta assistenza

La Comunità Protetta ad Alta assistenza (CPA) appartiene all’Area Assistenziale.
Nell’ambito di tale area vengono svolti programmi residenziali per pazienti che non necessitano di interventi riabilitativi intensivi e che invece abbisognano di interventi assistenziali continuativi.
Per tali motivi, viene considerato che le CPA siano Strutture ad alta intensità assistenziale (con presenza di personale sulle 24 ore), ma di media intensità riabilitativa.

La durata dei programmi viene stabilita in 36 mesi.
Il programma di intervento viene concordato con la UOP inviante e pertanto deve essere coerente al Piano di Trattamento Individuale (PTI) elaborato dal servizio territoriale (CPS) titolare della presa in carico.

I programmi residenziali che necessitano di prosecuzione oltre la soglia prevista devono essere ridefiniti in accordo con l’inviante e la ASL di residenza dell’utente – tramite l’Organismo di Coordinamento – in base alla valutazione dei bisogni e vengono rinnovati di norma come programmi di bassa intensità riabilitativa. In situazioni particolari e documentate, congiuntamente valutate tra erogatore e inviante, può essere negoziato con la ASL – tramite l’OCSM – il rinnovo del programma di media intensità con cadenza annuale per un massimo di ulteriori 36 mesi.

Per quanto riguarda l’accoglimento di utenti che non hanno precedenti trattamenti in ambito psichiatrico, valgono i seguenti criteri di ammissione:
- sono da considerarsi diagnosi elettive: schizofrenia e sindromi correlate, sindromi affettive gravi (sindrome depressiva ricorrente grave, sindrome affettiva bipolare), gravi disturbi della personalità;
- sono considerate diagnosi di esclusione: demenza primaria, grave ritardo mentale;
- vige il limite di età di 65 anni.

Le Comunità Protette della Fondazione AS.FRA sono situate presso:

Plesso 1 - Casa San Paolo

Casa San Paolo è la sede storica della Fondazione, attiva fin dagli anni ’70. In seguito alla recente ristrutturazione, terminata nel 2010, ospita la direzione, gli uffici amministrativi e dei principali servizi tecnici, le cucine, la cappella, studi medici e sale riunione. Il primo e il secondo piano sono dedicati rispettivamente alla CPA “P1” e alla CPA “P2”.

Approfondisci