Lo scopo del lavoro riabilitativo

…consiste nell’individuare e attuare le possibili forme di sostegno, così da aiutare il paziente a riacquistare maggiore autonomia e indipendenza nella vita quotidiana: cura della persona, igiene personale, capacità relazionale, capacità di muoversi autonomamente nell’ambiente esterno.
art. 1 del Regolamento interno delle Strutture Residenziali della Fondazione AS.FRA.

La bacheca di AS.FRA.

News ed eventi - luglio 2018

Il 7 luglio tutti in piazza con il Centro Diurno

-

Un grande Mandala - opera collettiva di sale colorato con accompagnamento musicale - realizzato in largo della Repubblica  a partire dalle 15 del 7 luglio 2018.

E’ un’iniziativa del Centro Diurno Eudossia al quale tutti sono invitati a partecipare!


Fotogallery

Assistenza Domiciliare – a che punto siamo?

14 e 15 giugno - si tiene il Convegno organizzato da Uneba Nazionale in collaborazione con Uneba Lombardia presso l’Auditorium San Fedele in via Hoepli 3/b a Milano


Fotogallery

Il cantiere avanza!

-

Nel quadro della ristrutturazione edilizia che porterà alla razionalizzazione degli spazi di Casa San Paolo e alla creazione di 5 unità abitative destinate alla residenzialità assistita di persone in condizioni di fragilità, il cantiere aperto all’inizio dell’anno segna importanti passi avanti.

Al piano terra sono stati completati i lavori sugli impianti di acqua calda sanitaria, mentre all’interrato procedono i lavori per la creazione di nuovi spogliatoi operatori e di nuova sala mensa.


Fotogallery

Concluso il percorso di Formazione Istituzionale 2018

-

Berhard Scholz, Presidente della Compagnia delle Opere, e Marco Maltoni, oncologo direttore dell’Unità di Cure Palliative dell’Ospedale di Forlì hanno concluso il ciclo di formazione istituzionale per l’anno 2018, rivolto a tutti gli operatori delle Fondazioni AS.FRA. e Maddalena Grassi, ai quali è stato proposto come parte integrante del loro quotidiano professionale.

Proprio il lavoro è stato al centro della riflessione, e la sfida quella che il nostro lavoro possa essere sempre più efficace per le persone che assistiamo e sempre più gratificante per noi che lo facciamo, visto che così tanto prende della nostra vita. “Se c’è una sfida allora c’è un rischio” – hanno sottolineato all’inizio i Presidenti, “perché quella sfida si può anche perderla” . Ci auguriamo che gli incontri proposti, con persone solo in apparenza distanti per formazione e professione, abbiano offerto uno strumento in più per vincerla. Tutti gli incontri sono stati registrati e sono a disposizione sul sito www.fondazionegrassi.it per chi volesse riviverli.

Rinnovato il CDA di AS.FRA.

17 maggio 2018 - Si è svolto il Consiglio di Amministrazione della Fondazione AS.FRA., che ha approvato il bilancio e rinnovato le cariche

Tre componenti uscenti: il dott. Marco Botturi (medico oncologo), il dott. Antonio Mandelli (Presidente emerito di AS.FRA.) e il dott. Luciano Riboldi (medico del lavoro). A loro un sincero ringraziamento per l’opera svolta.

Un sincero augurio di buon lavoro ai nuovi consiglieri: dott. Francesco Ballabio (dirigente facility management), al dott. Giorgio Cerati (medico psichiatra) e al dott. Maurizio Marzegalli (medico cardiologo).

Restano in carica il dott. Davide Forgia, il dott. Guido Boldrin, il dottor Giorgio Medici e il dott. Alessandro Pirola, confermato presidente.

Presentazione del libro sulla vita di Andrea Mandelli

Mercoledì 30 maggio ore 21.15 - presso il Salone Benedetto XVI in Piazza Don Camagni 1 a Brugherio si svolge l’incontro di presentazione del libro "Ti regalo la mia molla"


Fotogallery

Devozione Mariana del mese di maggio

Martedì 8 maggio ore 21 - Recita del Santo Rosario presso la Madonnina del giardino di As.Fra.

Si prosegue la devota tradizione che continua, come negli anni scorsi, nei luoghi del territorio vedanese e della sua comunità ecclesiale, con la presenza di don Eugenio Dalla Libera parroco di Santo Stefano protomartire e la partecipazione dei parrocchiani e di operatori e ospiti delle nostre Strutture.


Fotogallery

Formazione Istituzionale 2018

11 aprile 2018, ore 14.30 - Pubblichiamo i video del secondo incontro del corso di Formazione Istituzionale tenuto dal dott. Filippo Ciantia presso il Centro Pastorale Ambrosiano in via San Carlo 2 a Seveso

INTRODUZIONE - DOTT. PIETRO R. CAVALLERI

FILIPPO CIANTIA

DIBATTITO


Fotogallery

La visita dell’Arcivescovo di Milano S.E. Mons. Mario Delpini alla Casa di Accoglienza di Seveso

Venerdì 9 Marzo 2018 ore 11.30 -

Sua Eminenza fa visita ai malati ed agli operatori delle Fondazioni Maddalena Grassi ed As.Fra., un gesto semplice e molto significativo specie in questi tempi, rivolto a tutti.

I VIDEO sono disponibili sul sito della FONDAZIONE MADDALENA GRASSI

L’evento è stato trasmesso in diretta su questo sito, su quello dalla Fondazione Maddalena Grassi e sulla sua pagina Facebook, come anche sul Canale 195 -Chiesa TV- e sul Canale 282 del Digitale Terrestre.

Allegati

Rassegna Stampa - Corriere della Sera
Rassegna Stampa - Ansa
Rassegna Stampa - Radio Lombardia
Rassegna Stampa - MonzaToday
Rassegna Stampa - Giornale di Monza e Provincia
Rassegna Stampa - Monza Brianza News
Rassegna Stampa - Brianza Channel TV
Rassegna Stampa - Telelombardia
Rassegna Stampa - il Cittadino
Rassegna Stampa - Il Giorno
Rassegna Stampa - il Giornale
Rassegna Stampa - Avvenire
IL TESTO DEL DISCORSO DELL ARCIVESCOVO AGLI OPERATORI E AI PAZIENTI DELLE FONDAZIONI MADDALENA GRASSI E AS.FRA.

Fotogallery

Lavora con noi

marzo 2018 - Posizioni aperte

Si ricercano figure professionali con interesse a lavorare con la Fondazione As.Fra. anche solo per il periodo estivo.

Le figure richieste sono:

- Tecnico della riabilitazione psichiatrica

- Educatore professionale

- Infermiere professionale

- Oss con esperienza in strutture psichiatriche

Inviare curriculum a:  info@asfra.org

Formazione Istituzionale 2018

1 marzo 2018 - Pubblichiamo i video del primo incontro del corso di Formazione Istituzionale tenuto a Milano dalla prof. Mariella Carlotti

INTRODUZIONE

LEZIONE

DOMANDE

Discorso del Santo Padre Francesco

Sabato 3 marzo 2018 - Aula Paolo VI - ai membri della Federazione dei collegi Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari, Vigilatrici d’Infanzia (IPASVI)

“È davvero insostituibile il ruolo degli infermieri nell’assistenza al malato. Al pari di nessun altro, l’infermiere ha una relazione diretta e continua con i pazienti, se ne prende cura quotidianamente, ascolta le loro necessità ed entra in contatto con il loro stesso corpo, che accudisce”.

Allegati

Il Discorso del Santo Padre Francesco

Il malato psichiatrico autore di reati: un problema aperto

mercoledì 28 marzo, ore 14.30 - Seminario promosso da Fondazione AS.FRA. Onlus

Chi è “incapace di intendere e volere”, e commette un reato, secondo la legge non è punibile. Quando il giudice, però, stabilisce che la stessa persona sia socialmente pericolosa occorre applicare un misura di sicurezza, che va dalla più restrittiva custodia alla libertà vigilata con l’obbligo di cura. E’ uno dei frangenti in cui la sanità incontra il sistema giudiziario.

La presenza di malati di mente nelle strutture residenziali è oggi determinata anche dalla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG), i cui pazienti non sempre trovano spazio, per numero o per caratteristiche personali e di patologia, nelle Residenze per l’Esecuzione di Misure di Sicurezza (REMS), che hanno, in parte, sostituito e superato gli OPG.

La cura e l’accoglienza di persone con misure di sicurezza in strutture come le Comunità Protette, per vocazione orientate alla riabilitazione e non alle detenzione, pone una serie di criticità e di zone d’ombra, che possono essere affrontate e risolte solo con un dialogo sempre più stretto tra struttura sanitaria e autorità giudiziaria. Occorre che la presa in carico tenga conto della particolare situazione di tali pazienti, che assommano agli aspetti di malattia le conseguenze di uno stato di non libertà.

Allo stesso modo la libertà vigilata ha strettamente a che vedere con questioni importanti, come la compliance alla cura, la sorveglianza, la possibile reiterazione dei reati, l’esclusione e lo stigma.

Di questo argomento si parlerà mercoledì 28 marzo alla Fondazione AS.FRA. onlus, gestore di 4 strutture ad alta protezione da sempre impegnate nella riabilitazione anche di pazienti con misure restrittive, nel corso del seminario:

La presa in carico e la continuità di cura del paziente psichiatrico autore di reato in Lombardia

Relatori:

dott. Antonino Giancontieri, Coordinatore CPA di AS.FRA e Giudice esperto del Tribunale di Sorveglianza di Milano 

dott.ssa Daniela Rebolini, Manager, Consulente Pharma Point.

A moderare l’incontro è stato invitato il dott. Franco Milani, Dirigente Struttura Salute Mentale e Penitenziaria e Interventi Socio Sanitari, Regione Lombardia.

Il seminario è aperto al pubblico.

Per informazioni Rita Aicardi, raicardi@asfra.org

Curare chi Cura

16 marzo, 12 aprile, 11 maggio 2018, dalle 14.30 alle 18.30 - Corso di formazione presso ASST Niguarda (aula magna)

E’ rivolto agli operatori sanitari di tutte le professioni, sia ospedalieri, sia territoriali, il corso di formazione (accreditato ECM) promosso dal Niguarda in collaborazione con le associazioni Medicina e Persona e Medici Cattolici.

In un contesto come quello attuale, in cui anche in ambito sanitario le “connessioni” dominano sulle relazioni, il corso muove dal presupposto che anche chi cura abbia bisogno di essere considerato e sostenuto nel difficile compito di rispondere a chi gli domanda di essere preso in carico.

Il percorso si articola in tre incontri della durata ciascuno di 4 ore, focalizzati su tre declinazioni del tema generale.

1) BISOGNO: esiste una difficoltà ad accettare la sofferenza, la malattia, il limite come parte di una condizione normale di bisogno. Questo problema, che accomuna pazienti e operatori, sfida nel lavoro quotidiano i bisogni, i desideri e le motivazioni di ognuno. E si misura oggi con realtà sempre più complesse di disagio e con le loro domande di salute. Vi è un percorso positivo utile?

2) RELAZIONE: il rapporto operatore paziente e la collaborazione tra professionisti sono accessori dell’agire clinico? O la relazione con l’altro è costitutiva della cura? Il soggetto emerge nell’incontro, in un clima di fiducia e di alleanza, che va sostenuto e sviluppato. Qui la funzione dell’équipe dei curanti è basilare. Non si può curare da soli. Quali metodi ed esperienze considerare?

3) RESPONSABILITA’ DELLA CURA: la responsabilità di chi cura, al fondo, che cos’è? E’ riducibile alla sola applicazione di regole o di protocolli? La risposta è da cercare dentro la relazione con il paziente. Così come i criteri per affrontare ogni decisione o scelta. Fino all’ambito della presa in carico, con i molteplici fattori in gioco quali il tempo, l’integrazione di competenze, i vari attori (famiglia, rete).

La partecipazione è gratuita, l’iscrizione obbligatoria fino a esaurimento posti.

Allegati

Programma del Corso

Egli ha preso le nostre infermita’

- Messaggio della CEL a tutti i fedeli sull’impegno della comunità cristiana per tutti coloro che hanno bisogno di cura

Allegati

Messaggio dei Vescovi Lombardi

Formazione Istituzionale 2018

- Il Lavoro: il gusto, il senso e la necessità

Carissimi,

l’anno scorso abbiamo fatto un bel lavoro insieme, aiutati dal Professor Nembrini e da Monsignor Camisasca, che ci hanno accompagnati a comprendere come la cura del malato e la cura di noi stessi siano tra loro fortemente e intimamente legate.

Attraversando le nostre esperienze siamo diventati più consapevoli dei desideri e delle ragioni da cui nasce la domanda di cura delle persone che assistiamo, ma anche delle domande che ci vengono nel lavoro che facciamo, scoprendo che ultimamente hanno la stessa origine.

La parola che forse ci è rimasta più impressa è “sfida”, vale dire riconoscere al presente di vita in cui ti trovi il suo valore prezioso.

Allora quest’anno vorremmo proseguire su questa strada parlando proprio del lavoro, che è la circostanza in cui gran parte di quella sfida si gioca, per tutti.

In fondo lo scopo della formazione, e solo per questo ci interessa farla, è che il nostro lavoro possa essere sempre più efficace per le persone che assistiamo e sempre più gratificante per noi che lo facciamo, visto che così tanto prende della nostra vita.

Se c’è una sfida allora c’è un rischio, perché quella sfida si può anche perderla.

Che cosa mi convince a correre il rischio? Che cosa sostiene la speranza nel tempo?

Sono in gioco infatti l’identità e la dignità stesse dei nostri malati e di ciascuno di noi, perché lavoro non è innanzitutto realizzazione di un obiettivo, ma scoprire un cambiamento di sé, cosciente.

Che cosa c’è allora di più interessante, più utile, più bello che guardar dentro la concretezza di questa circostanza che è il lavoro perché, scoprendone il gusto, il senso e la necessità, possiamo percorrere un nuovo pezzo di strada per, come si è detto lo scorso anno, “uscire a rivedere le stelle” e magari scoprirne il mistero.

Avete avuto l’invito che traccia il percorso che vorremo fare, sempre in compagnia di qualcuno che ci aiuti a tener fisso lo sguardo sulla meta.

Spero di ritrovarmi in compagnia di ciascuno di voi a fare questo cammino.

Buon lavoro a tutti!

                                                                   Alessandro Pirola

                                                                        Presidente


Fotogallery

La funzione delle misure di sicurezza cautelari e la specificità della loro applicazione

-

Relatori

dott.ssa Beatrice Secchi, Magistrato del Tribunale di Milano

avv. Martino Cavalleri, Avvocato del Foro di Milano

Le misure cautelari sono provvedimenti emessi nel periodo intercorrente tra l’inizio del procedimento penale e l’emanazione della sentenza. Richiedono, per la loro applicazione, l’esistenza di gravi indizi di colpevolezza, il rischio di inquinamento delle prove, il rischio di fuga dell’imputato, il rischio di reiterazione del reato.

Nel caso in cui lo stato di mente dell’imputato appaia tale da renderne necessaria la cura in ambito psichiatrico e sia necessario mantenere nei suoi confronti la custodia cautelare, il giudice ordina che la misura sia eseguita mediante il ricovero provvisorio in idonea struttura.

Si tratta, per le strutture, di un compito complesso, per la molteplicità delle funzioni giudiziarie che possono essere coinvolte, per il cambiamento dei magistrati referenti nel corso del procedimento, per il carattere implicito delle prescrizioni, che devono essere desunte da elementi per gli operatori sfuggenti, ma soprattutto perché la natura sanitaria definisce una presa in carico prima di tutto clinica, orientata a valutare l’appropriatezza di un intervento riabilitativo, a prescindere dal carattere di obbligatorietà dello stesso.

AS.FRA. si interroga su questo argomento coinvolgendo direttamente un magistrato del tribunale di Milano, la dottoressa Beatrice Secchi, alla quale viene chiesto di presentare  l’iter giudiziario, le autorità coinvolte, la tipologia delle misure (cautelari/provvisorie) e la tipologia di prescrizione che ne derivano.

Seguirà un lavoro comune con il magistrato e un avvocato, il dott. Martino Cavalleri, che applicherà quanto  appreso a quattro casi concreti, a partire da alcune domande precise:

- come deve comportarsi la Comunità quando non ha accesso alle fonti, ossia alla disposizione emanata dall’Autorità Giudiziaria? È legittimo accettare il paziente solo con sommarie informazioni orali?

- Quali sono gli elementi basilari che costituiscono il quadro complessivo delle prescrizioni cui il paziente si deve attenere?

- Quali sono il doveri che ricadono in capo al soggetto cui il paziente è affidato?

- Quali sono pertanto le implicazioni medico-legali della Struttura a fronte della possibilità che un paziente in uscita autorizzata o no  commetta dei reati? 

Il seminario avrà luogo mercoledì 24 gennaio 2018 alle ore 14.30 nell’auditorium di Fondazione AS.FRA. Onlus, via Misericordia 51 Vedano al Lambro.


Fotogallery

Chi arriva e chi parte

- Concludiamo l’anno dando il benvenuto ad un nuovo psichiatra e augurando ogni bene ad un altro che intraprende un nuovo percorso

Maurilia Busnelli, psichiatra referente delle CPA P1 e P2 ha lasciato qualche mese fa la Fondazione As.Fra. per nuovi orizzonti professionali. Al suo posto è da allora in staff il dott. Jacopo Santambrogio. Ad entrambi, i nostri migliori auguri per un anno proficuo e ricco di soddisfazioni.


Fotogallery

Festa di Natale

Dicembre 2017 -

Anche quest’anno si rinnova la tradizione che vede operatori, pazienti, familiari e amici invitati ad un evento di celebrazione del S. Natale. Il 16 dicembre 2017 si celebra una S. Messa presieduta dal vicario episcopale Mons. Patrizio Garascia, cui farà seguito un momento conviviale in teatro e il pranzo tutti insieme nelle Comunità.


Fotogallery

Formazione Istituzionale

mercoledì 15 novembre 2017 - Pubblichiamo i video del quarto incontro del corso di Formazione Istituzionale 2017 svoltosi presso il Centro Pastorale Ambrosiano a Seveso avente come relatore Monsignor Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia e Guastalla

INTRODUZIONE DOTT. A. PIROLA

MS MASSIMO CAMISASCA

CONCLUSIONI DOTT. A. PIROLA

DOMANDE

Mauro: quando una “punizione” diventa opportunita’

6 novembre 2017 - Ho conosciuto AS.FRA. per una condanna ai lavori socialmente utili, ora ci voglio restare come volontario

Un banale incidente (“una strisciata”, dice), la controparte che chiama i carabinieri, l’etilometro appena sopra il livello consentito e scatta la condanna ad un anno di reclusione.

Per Mauro, una vita da postino oggi in pensione, quel pomeriggio si trasforma in un incubo. La condanna, però, può essere commutata in 4 mesi di lavori socialmente utili e Mauro sceglie il male minore.

“Ho indicato AS.FRA. come struttura per la mia pena perché è vicina a casa mia e poi la conoscevo: Casa San Paolo era una clinica e avevo sentito parlare di Adele Bonolis”.

Così, una mattina di aprile 2017, Mauro varca la soglia della Fondazione.

“Non avevo mai fatto il giardiniere” – racconta “ma mi sono riscoperto appassionato a questo mestiere”.

I 4 mesi passano e per Mauro diventano un periodo che ricorda come entusiasmante. I pazienti gli si avvicinano, con la schiettezza e immediatezza di chi non ha filtri (“mi ricordo una signora che riposava dopo pranzo in giardino, i pazienti del centro diurno che mi aspettavano, i ragazzi più giovani che mi facevano ascoltare la loro musica”). Si trova bene, svolge, oltre al giardinaggio, altri “lavori socialmente utili” come manutenzione, pulizie generali, ecc.

Ma soprattutto intreccia rapporti umani, non soltanto con alcuni pazienti ma anche con molti operatori. L’ultimo giorno non è “liberazione”, ma malinconia: a Mauro dispiace andare via. Torna a casa e riflette: sono in pensione e ho del tempo libero, perché non offrirmi come volontario?

Oggi Mauro ha avuto un colloquio con il responsabile dei servizi generali: frequenterà la Fondazione tre giorni alla settimana (la “condanna era di 4 ore settimanali”), riprendendo il discorso dove lo aveva interrotto.


Fotogallery

Dicono di noi…

- Un bell’articolo sul “Cittadino di Monza” racconta l’impegno della Fondazione nell’accoglienza di studenti e laureati per periodi di formazione e tirocinio

Allegati

Leggi l’articolo

Il Centro Diurno al Flash Mob di “Far Rumore” 2017

mercoledì 11 ottobre - Un flash mob per accendere i riflettori sulla salute mentale

E’ andato in scena mercoledì mattina nel piazzale antistante la scuola omnicomprensiva di Vimercate, nell’ambito della rassegna “FARumore, azioni per la salute mentale”, promossa dal Centro Psico Sociale dell’Asst di Vimercate in collaborazione con gli enti territoriali che a vario titolo si prendono cura dei malati.

C’erano gli ospiti e gli operatori del Centro Diurno, che hanno ballato coinvolgendo il pubblico presente, compresi i giovani in uscita dalla scuola.

AS.FRA. partecipa a “Far Rumore” anche con un proprio spettacolo teatrale, a ingresso gratuito, in scena il 23 novembre alle ore 21.00 presso il Cineteatro Il Portico in via Monsignor Grisetti 11/A a Trezzo sull’Adda – MB.

Si tratta di 3 atti comici dal titolo “PERCHE’ NO?”, della compagnia Portamivia, composta da pazienti e operatori.


Fotogallery

Fondazione As.Fra.: ripartono gli stage formativi con IN-presa

- Insieme perché nessuno si perda

Hanno la durata di tre mesi rinnovabili fino a dodici, e consistono nell’affiancamento del personale di cucina della fondazione, i tirocini formativi promossi da AS.FRA. per IN-presa, cooperativa sociale che si occupa di formazione professionale, aiuto allo studio e inserimento lavorativo per ragazzi in situazione di dispersione scolastica o a rischio di disagio.

Da circa cinque anni, mediamente da ottobre a giugno, i ragazzi di IN-presa frequentano la Fondazione, lavorando nelle cucine che tutti i giorni, mezzogiorno e sera, preparano i pasti per gli 80 ospiti residenziali della comunità, per gli utenti del centro diurno e per il personale in servizio. 

I tirocinanti sono studenti del terzo e ultimo anno o neo diplomati che si sperimentano in un ambiente professionale significativo ma con caratteristiche meno pressanti di un ristorante. Tale esperienza può configurarsi come  “trampolino di lancio” verso altri orizzonti professionali o occasione di impiego, come è successo a G., che dopo lo stage è stato assunto e lavora stabilmente in AS.FRA.

Le cucine di AS.FRA. preparano 250 pasti al giorno e impiegano 5 persone su turni di tre addetti alla volta.

 

Per informazioni: Rita Aicardi. Ufficio stampa, 335.8319944, raicardi@asfra.org, www.asfra.org


Fotogallery

Adele Bonolis, Serva di Dio

- Una nuova brochure racconta la vita della sulla fondatrice di AS.FRA. Per tutti, in segreteria

Tre sono i principi fondamentali su cui ha basato la sua azione: prudenza, previdenza e provvidenza. Per lei la persona viene prima di tutto, senza un giudizio sul passato, ma con il desiderio di “esaltarne le capacità affinché possa riuscire muoversi con le proprie forze”.

Adele Bonolis, Serva di Dio in odore di beatificazione, ha fondato quattro opere, tutte dedicate all’accoglienza e alla cura di quanti vivono, diremmo oggi con le parole di Papa Francesco, esistenze “alla periferia dell’umano”.

Tra queste AS.FRA., presso la quale è disponibile una mostra anche in forma itinerante che ne illustra le principali tappe di vita. Da oggi i pannelli della mostra sono disponibili anche in formato brochure, strumento di approfondimento e di diffusione a disposizione di tutti i dipendenti, collaboratori, pazienti e famiglie. Lo trovate in segreteria.


Fotogallery

Il lavoro in As.Fra.: affrontare il quotidiano e progettare il futuro come occasione per confrontarsi con il senso dell’opera

Mercoledì 20 settembre 2017 - Riprende il programma di Formazione ed aggiornamento del personale

E’ stato il Presidente dott. Alessandro Pirola, introdotto dal Direttore Clinico dr. Pietro R. Cavalleri e coadiuvato dai collaboratori Agnese Rimoldi e Gianni Cambiaghi, ad aprire il ciclo autunnale degli incontri formativi per dipendenti e collaboratori della Fondazione.

La lezione, dal titolo Il lavoro in As.fra.: affrontare il quotidiano e progettare il futuro come occasione per confrontarsi con il senso dell’opera ha tratteggiato a tutto campo ciò che si è fatto nell’ultimo biennio e soprattutto ciò che si è messo in cantiere in termini di bilancio, organizzazione, sviluppo dell’offerta di cura.

“As.Fra. ha i numeri, l’organizzazione e la performance di un’azienda” – ha detto Pirola – “ma nessuno di noi troverebbe tale definizione sufficiente, perché c’è qualcosa in più”. E’ il carisma dell’origine, impresso dalla Fondatrice e mutuato dai suoi successori, che permea la nostra opera, pur nel rigore e talora nella fatica che richiede.

“Lavoriamo nel quotidiano” – ha concluso il Presidente – “tenendo presente il motivo per cui siamo al mondo e lavoriamo: investire i talenti che abbiamo nel riverbero di quell’origine che non è solo di As.Fra., ma di tutti noi”. 

Professione e tecnica, pur espresse ai massimi livelli, da sole non esauriscono il loro compito.


Fotogallery

Al via “Far rumore, azioni per la salute mentale". As.Fra. e’ presente!

- Avrà inizio il 30 settembre e durerà fino al 23 novembre la terza edizione dell’iniziativa promossa dalla ASST di Vimercate per combattere lo stigma sulla malattia mentale attraverso le arti

Eventi, mostre, incontri, teatro e cinema.

Sono le arti e le iniziative messe in campo da soggetti che a vario titolo si prendono cura della salute mentale, per coinvolgere la popolazione intorno a tale tema attraverso la proposta di occasioni di approfondimento e svago, molte delle quali con il coinvolgimento diretto del pubblico.

Si comincia il 30 settembre e si va avanti fino alla fine di novembre, con una media di un evento alla settimana.

Quest’anno AS.FRA. è particolarmente coinvolta, essendosi il Centro Diurno assunto il compito del coordinamento della segreteria, partecipando al FLASH MOB previsto nella piazza antistante il Centro Scolastico di Vimercate l’11 ottobre, ma soprattutto chiudendo la rassegna con lo spettacolo comico in 3 atti “PERCHE’ NO?”, della compagnia Portamivia, composta da pazienti e operatori.

Lo spettacolo, a ingresso gratuito, andrà in scena il 23 novembre alle ore 21.00 presso il Cineteatro Il Portico in via Monsignor Grisetti 11/A a Trezzo sull’Adda – MB.


Fotogallery

Nuovi “mezzi” per la Fondazione As.Fra.

- Nel quadro di una generale opera di manutenzione e ammodernamento

E’ un pulmino a nove posti fresco di fabbrica il nuovo mezzo di cui si è dotata oggi As.Fra. per supportare il lavoro di quanti ogni giorno sono impegnati nelle attività assistenziali e riabilitative. Sarà usato per raccogliere i più di quaranta ospiti del centro diurno sul territorio, per accompagnare i pazienti nelle loro incombenze fuori dalle comunità, come mezzo di trasporto per gite e uscite culturali (ad esempio la ricorrente visita al Teatro alla Scala per assistere alle “prove aperte”) e per vacanze vere e proprie che stanno per cominciare per tutti i reparti.

Il nuovo mezzo è stato benedetto oggi dal cappellano don Vincent. 

“E’ in atto da mesi un processo di razionalizzazione delle risorse” – ha detto il Presidente dott. Alessandro Pirola – “che ha permesso di allocare maggiori budget alla riqualificazione dei mezzi e dell’ambiente in cui i pazienti vivono e noi lavoriamo: il nuovo van è frutto di questo”. Già nel corso dello scorso inverno As.Fra. aveva avviato un progetto di manutenzione interna, che ha visto, nuove coibentazioni, l’imbiancatura di gran parte delle stanze, il rifacimento di parte degli impianti di riscaldamento, e, tra le altre, un’iniziativa di decorazione degli ambienti anche ad opera dei pazienti, nell’ambito di un progetto di arte terapia. 


Fotogallery

Inaugurazione al Centro Diurno

Venerdì 7 luglio -

Preceduta da una prova aperta dello spettacolo teatrale che la compagnia Portamivia (composta da pazienti e operatori di As.Fra.) presenterà alla rassegna “Far Rumore” il prossimo autunno, si è inaugurata venerdì scorso la grande opera collettiva che fà mostra di sé all’ingresso del Centro Diurno.

Si tratta di un murales di circa 4 metri per 3, che raffigura il grande tappeto di Eudossia, una delle città invisibili raccontate da Italo Calvino da cui prende il nome la struttura.

La realizzazione dell’opera è parte integrante del programma di arte terapia e ha coinvolto utenti e operatori per oltre un mese. Al taglio del nastro erano presenti autorità civili - il sindaco di Vedano al Lambro, dott. Renato Meregalli, il direttore del distretto dell’ATS Brianza dott. Lorenzo Brugola - e religiose, il parroco don Eugenio Dalla Libera e il cappellano della Fondazione As.Fra don Vincent Nagle. Il Presidente di As.Fra. Alessandro Pirola ha annunciato a margine che il Centro Diurno Eudossia diventerà a breve sede della scuola di pet therapy.

Allegati

Leggi l’articolo su "il Cittadino"

Fotogallery

Lavori in corso al Centro Diurno Eudossia

giugno 2017 -

A Eudossia (...) si conserva un tappeto in cui puoi contemplare la vera forma della città. A prima vista nulla sembra assomigliare meno a Eudossia che il disegno del tappeto, ordinato in figure simmetriche che ripetono i loro motivi lungo linee rette e circolari (...). Ma se ti fermi a osservarlo con attenzione, ti persuadi che a ogni luogo del tappeto corrisponde un luogo della città e che tutte le cose contenute nella città sono comprese nel disegno (...). Tutta la confusione di Eudossia, i ragli dei muli, le macchie di nerofumo, l’odore di pesce, è quanto appare nella prospettiva parziale che tu cogli; ma il tappeto prova che c’è un punto dal quale la città mostra le sue vere proporzioni, lo schema geometrico implicito in ogni suo minimo dettaglio.

Perdersi ad Eudossia è facile: ma quando ti concentri a fissare il tappeto riconosci la strada che cercavi (...) e ognuno può trovare nascosta tra gli arabeschi una risposta, il racconto della sua vita, le svolte del destino.

da: “Le Città Invisibili”, Italo Calvino


Fotogallery

Un bell’esempio di sinergia!

giugno 2017 -

Ospiti e operatori del Centro Diurno della Fondazione As.Fra. Onlus, struttura psichiatrica in Vedano al Lambro che comprende anche due comunità protette ad alta intensità e due comunità riabilitative ad alta intensità, si sono recati in visita al Centro Diurno della Fondazione Maddalena Grassi. Il confronto e lo scambio potrebbero preludere a future attività comuni, mentre l’occasione è stata anche di conoscersi e, perché no, stare insieme in allegria.


Fotogallery

Vita giornaliera in As.Fra.

maggio 2017 - La bella stagione è finalmente iniziata ed il nostro bellissimo giardino diventa il teatro di nuovi incontri e attività


Fotogallery

Il lavoro riabilitativo messo alla prova: tra consenso e obbligo alla cura

Mercoledi’ 17 maggio e mercoledi’ 7 giugno, ore 14.00 / 17.00 - presso il Teatro della Fondazione As.Fra.

Si volgerà nelle giornate di mercoledì 17 maggio e 7 giugno l’incontro formativo che si propone di focalizzare la riflessione sul problema, con cui non possiamo evitare di confrontarci tutti i giorni, di come fare per guadagnare il consenso del soggetto nei confronti del processo di cura, soprattutto là dove – come spesso accade nel nostro caso – si avvia in forma coatta.

Il primo intervento “Possiamo organizzare una rete di servizi così perfetta da garantire l’automatica adesione dei singoli cui si rivolge?” sarà svolto dal dott. Franco Milani, dirigente della Struttura "Salute mentale e penitenziaria e interventi socio sanitari", della direzione generale welfare Regione Lombardia; il secondo dal professor Raffaele Bianchetti, della Cattedra di Criminologia e Criminalistica, Dipartimento di Scienze Giuridiche "Cesare Beccaria" dell’Università degli Studi di Milano, il quale tratterà la tematica del consenso informato “Come prende forma il consenso informato quando, come avviene nel percorso riabilitativo psichiatrico, la prestazione non consiste in un atto singolo e puntuale, bensì in una pluralità di interventi collegati, complessi e continuativi?”

Il secondo incontro, il 7 giugno, assumerà la forma di Tavola Rotonda “Come conciliare, nel lavoro terapeutico, l’aspetto giuridico con quello clinico e riabilitativo?” a cui parteciperanno la dott.ssa Giovanna Di Rosa, Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano e la dott.ssa Severina Panarello, Direttore dell’Ufficio Esecuzione Penale Esterno (UEPE) di Milano e Lodi, del Ministero di Giustizia. Vorremmo affrontare il paradosso costituito dalla conciliazione, necessaria nel lavoro terapeutico, tra l’aspetto giuridico (che determina un obbligo estrinseco alla cura) e quello clinico-riabilitativo, che richiede l’adesione del soggetto. Gli incontri si svolgeranno dalle 14.00 alle 17 presso la nostra sede, in via della Misericordia 51 a Vedano al Lambro.

Iscrizioni sul sito Fondazione Maddalena Grassi

Allegati

La locandina dell’evento

Devozione Mariana del mese di maggio

Martedì 9 maggio ore 21 - Recita del Santo Rosario presso la Madonnina del giardino di Casa San Paolo

In una limpida serata di maggio, con la presenza di don Eugenio Dalla Libera, parroco di Santo Stefano protomartire, e la partecipazione dei parrocchiani e degli ospiti delle nostre Strutture, si è proseguita la devota tradizione che continua nei luoghi del territorio vedanese e della sua comunità ecclesiale.

"anche la luna ha pregato con noi..."


Fotogallery

Formazione Istituzionale

Mercoledì 8 aprile 2017 - Ecco i links ai video del terzo incontro del corso di Formazione Istituzionale 2017 tenutosi presso il Teatro della Fondazione As.Fra.

INTRODUZIONE PIROLA_NEMBRINI

FRANCO NEMBRINI

DR. PIETRO R. CAVALLERI

INTERVENTI OPERATORI

Chi va e chi viene

aprile 2017 -

La vita è piena di avventure e alcuni di noi ne hanno da poco intraprese di nuove.

I saluti più affettuosi e un auspicio per la nuova strada professionale intrapresa alla dottoressa Marta Agosti e al dott. Ettore Muscogiuri, psichiatri delle CPA, e al dott. Francesco Maria Mosca. Alla dott.ssa Maurilia Busnelli, nuovo psichiatra in CPA, un caloroso benvenuto e augurio di buon lavoro.

La Fondazione As.Fra. a Monza con il Papa

25 marzo 2017 - Anche l’As.Fra. ha voluto partecipare all’incontro con Papa Francesco per la Santa Messa con 40 vescovi e centinaia di sacerdoti nel grande prato del Parco di Monza che ha visto la presenza di un milione di persone


Fotogallery

Formazione Istituzionale

Mercoledì 8 marzo 2017 - Pubblichiamo i video del secondo incontro del corso di formazione istituzionale 2017 svoltosi presso il Teatro della Fondazione As.Fra. insieme ad un articolo apparso sul quotidiano Avvenire del 23 Marzo 2017

INTRODUZIONE - DOTT. ALESSANDRO PIROLA

FRANCO NEMBRINI PARTE 1

FRANCO NEMBRINI PARTE 2

DOMANDE


Fotogallery

DJ Fabo, la fine di una storia

- Pubblichiamo di seguito i link agli articoli per don Vincent Nagle ed all’intervista per il dr. Angelo Mainini, in merito alla vicenda di Fabiano Antoniani, chiamato il DJ Fabo

Dj Fabo / Don Vincent: quando ci siamo conosciuti ho capito che la tua gabbia è anche la mia

Il Prete che ha incontrato Fabo. "La madre ha chiesto una Messa. Lui ha detto sì"

Don Vincent: "Non lo condanno, ma provo molto dolore"

Eutanasia. Il fisiatra: accanto a Fabo per 2 anni. "Poi ha smesso di lottare"

Il dolore innocente: enigma o mistero?

- Un convegno promosso dalla Fondazione Don Carlo Gnocchi

Si svolgerà giovedì 2 marzo 2017 a partire dalle ore 18.00 presso il santuario del Beato don Carlo Gnocchi il convegno che mette a tema uno degli aspetti più sfidanti della nostra professione: il confronto con il dolore, in particolare con quello cosiddetto “innocente”.

Al simposio è prevista la presenza di Sua Eccellenza il Cardinale di Milano Angelo Scola e di Salvatore Natoli, ordinario di filosofia teoretica.

 

Modera il direttore del quotidiano “Avvenire” Marco Tarquinio.

Allegati

Invito

Verso le stelle con Franco Nembrini

- Si è svolto il primo degli incontri del corso di formazione istituzionale 2017

“Formazione dal titolo La cura di sé, la cura del malato: ragioni ed esperienze. Gli incontri saranno tenuti da un vescovo, mons. Massimo Camisasca, e da un professore di lettere, Franco Nembrini, che ci parlerà anche della Divina Commedia. Mi hanno sorpresa un’altra volta. Non so cosa c’entri ma so che c’entrerà. Anche dentro di me. Si apre la possibilità che un “Virgilio” mi traghetti in un mondo inesplorato, dove le allegorie diverranno immagini concrete del mio quotidiano e potranno aiutarmi a comprenderlo e a comprendermi in questo viaggio”. La reazione di una nostra collega alla presentazione del ciclo di formazione istituzionale 2017 è un po’ quella di tutti noi. Adesso il viaggio è iniziato, il primo incontro si è svolto. Per chi volesse ripercorrerlo è a disposizione la registrazione. Arrivederci alle prossime tappe!

VIDEO:

INTRODUZIONE DOTT. ALESSANDRO PIROLA

PARTE 1 NEMBRINI

PARTE 2 NEMBRINI

DOMANDE E RISPOSTE

MAKING DANTE

 


Fotogallery

La Cura di se’, La Cura del malato: Ragioni Ed Esperienze

- Un percorso formativo in quattro tappe. Due testimoni con cui confrontarsi e dialogare

Franco Nembrini aveva 11 anni quando fu mandato in esilio, come Dante Alighieri. «Lavoravo come garzone in una rosticceria. I padroni mi davano da mangiare e da dormire. Una sera stavo per andare a letto, stanco morto: ebbi l’ordine di scaricare un furgone appena arrivato. Mi ritrovai a portare giù in cantina, da solo, casse e casse di acqua minerale e di vino. All’improvviso mi ricordai di una terzina della Divina Commedia. Mi risuonarono nella testa le parole con cui il trisavolo Cacciaguida, nel XVII canto del Paradiso, preannuncia a Dante che da Firenze andrà in esilio a Verona, alla corte di Bartolomeo della Scala: “Tu proverai sì come sa di sale lo pane altrui, e come è duro calle lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale”. Tu proverai quanto ha sapore amaro il pane mangiato alla mensa di altri e quanto è umiliante cammino lo scendere e il salire per le scale altrui». Il ragazzo scoppiò a piangere. «Di gioia: mi sentii capito da qualcuno che aveva provato quegli stessi sentimenti prima di me».

“Senza i libri non potrei vivere” sostiene mons. Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia e Guastalla. “E non perché sia mai stato un topo di biblioteca, ma la mia vita l’ho vissuta leggendo. Di letteratura, di storia, di poesia, di filosofia. Solo una parte l’ho portata con me, perché penso che, nella vita, per invecchiare bene, sia importante alleggerirsi”. E ancora “Questa è la ragione fondamentale del mio episcopato: annunciare che Cristo, il Figlio di Dio fatto uomo, che ha subìto per amore nostro la Passione e la Croce, è risorto e perciò è vivo, e agisce nella storia degli uomini con la forza attrattiva della sua divina umanità attraverso il suo Corpo nella storia, che è il popolo cristiano, la sua Chiesa…”

Nella giornata dedicata internazionalmente al malato – sabato 11 febbraio – ha inizio un affascinante percorso formativo per i collaboratori di Fondazione As.Fra. - fondata dalla serva di Dio Adele Bonolis e dedicata alla cura delle persone con patologia psichiatrica grave (oltre 100 pazienti accolti e assistiti) – e Fondazione Maddalena Grassi, che opera nell’ambito della cura domiciliare (2000 pazienti all’anno a Milano) e dell’accoglienza in residenze protette di persone con diverse patologie: Immunodeficienza Acquisita, psichiatriche, stati vegetativi, malattie neurologiche. Pazienti che sfidano l’umano e chiedono una ragione grande come quella necessaria per curarli.

Che cosa significa “prendersi cura?”, come si può concepire la cura dell’altro se non partendo da quella di sé? quali sono i limiti, oltre cui l’umano, malato e curante, non riesce ad andare?”:

Un percorso condotto da due protagonisti della cultura, della fede e dell’umano, uno scambio con chi agisce e per chi ha delle domande. Fino, si auspica, a “riveder le stelle”.

 

11 febbraio 2017, ore 10.00 – 13.00, Fondazione Cariplo Centro Congressi Milano

8 marzo 2017, ore 14.30 e 8 aprile 2017, ore 10.00, Fondazione As.Fra, Vedano al Lambro

11 novembre 2017, Seminario Vescovile Seveso


Fotogallery

Affermare il "per sempre" della vita. E’ possibile oggi?

Giovedì 2 febbraio, alle ore 21 - salone oratorio SS. Luigi e Domenico - Parrocchia S. Maria Assunta E S. Maria Ausiliatrice - Via Brambilla, 3, Inzago

Un incontro con Don Stefano Cucchetti, professore di Bioetica ed Etica Sociale presso il Seminario di Venegono e il dott. Alessandro Pirola, direttore generale di Fondazione Maddalena Grassi e Presidente di As.Fra. Fondazione Onlus.

Don Stefano Cucchetti è presbitero della diocesi di Milano dal 2003. Dal 2003 al 2008 è stato alunno del Pontificio Seminario Lombardo. Ha seguito gli studi teologici istituzioni presso il Seminario Arcivescovile di Milano a Venegono Inferiore proseguendo nel corso di licenza presso la Pontificia Università Gregoriana. Nel 2009 ha conseguito il titolo di Dottore in Teologia Morale presso la Pontificia Università Gregoriana. Dal 2005 al 2007 è stato professore assistente di teologia morale fondamentale presso la Pontificia Università Gregoriana. Attualmente insegna Bioetica ed Etica Sociale presso il Seminario di Venegono e presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Milano.

Al via la Formazione Istituzionale

- Quattro incontri che, nell’arco del 2017, offrono una rara e importante occasione di incontro e di scambio

“È un percorso personale, un lavoro ancorato all’esperienza professionale e che si riferisce a fatti,  circostanze, storie vissute o incontrate; è un incontro ed un paragone con il percorso fatto da personaggi significativi: i relatori o coloro di cui ci parleranno; si svolgerà in orario di lavoro e in luoghi significativi”.

Così il presidente dott. Alessandro Pirola ha presentato il programma di formazione istituzionale che prenderà il via il prossimo 11 febbraio. Si tratta di un ciclo di quattro incontri che, rivolti a tutti gli operatori e i collaboratori AS.FRA. insieme a quelli della Fondazione Maddalena Grassi, vedranno la presenza e la possibilità di scambio con due relatori di grande spessore: il professor Franco Nembrini, docente di lettere e dantista, e S. E. Mons. Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia e Guastalla.

In particolare il prof. Franco Nembrini ci guiderà in un cammino attraverso la Divina Commedia e più in generale il Sommo Poeta. Che cosa c’entra con il nostro lavoro? Lo scopriremo partecipando!

Allegati

La locandina del percorso

Don Vincent Nagle apre il New York Encounter

- Sarà relatore alla tre giorni culturale di New York

Il New York Encounter è un un evento annuale della durata di tre giorni che si tiene a New York nel mese di gennaio, il week-end di Martin Luther King. Si tratta di un evento culturale che assomma convegni, mostre e performance artistiche. La prima edizione si è tenuta nel mese di gennaio 2011, seguendo la tradizione consolidata del Meeting per l’amicizia fra i popoli. Il NYE è gratuito ed è organizzato con l’aiuto di volontari e di molti giovani provenienti da ogni parte degli Stati Uniti. Il titolo dell’edizione 2017 è “La realtà non mi ha mai tradito”. L’incontro di apertura sarà una conversazione con Richard Cabral, attore ed ex membro di una gang di East Los Angeles, e P. Vincent Nagle, cappellano delle Fondazioni AS.FRA. e Maddalena Grassi.

www.newyorkencounter.org

Un viaggio sulle tracce di Cristo

- Don Vincent Nagle, cappellano di AS.FRA. e Fondazione Maddalena Grassi, ha guidato una visita in Terra Santa. Una recherche per vedere in “questi” luoghi “quei” luoghi: i luoghi di Gesù

- Sono stati fra i giorni più belli della mia vita - . È convinto il giudizio di chi ha trascorso otto giorni (dal 29 dicembre al 5 gennaio) in Terra Santa in compagnia e sotto la guida di don Vincent Nagle, missionario nato ebreo, convertito al cattolicesimo, studioso dell’Islam e ora cappellano delle Fondazioni AS.FRA. e Maddalena Grassi, dedicate entrambe alla cura e alla compagnia di persone malate.

Un pellegrinaggio non è una visita turistica, è un’esperienza vissuta che può trasformarsi in esperienza spirituale, a patto che sia ben condotta. - È quello che è successo”, raccontano, “a partire dalla visione dei luoghi nella loro contemporaneità (che poco recano del tempo trascorso, giacché ogni dominazione ha cancellato ciò che c’era prima), attraverso la guida del Vangelo, Vincent ci ha “fatto vedere” la vita di Gesù laddove ha vissuto. Il cammino è diventato interiore, man mano che entravamo in contatto con i luoghi santi per la fede e ne comprendevamo il senso e l’origine stessa della nostra esperienza di fede, con l’aiuto delle spiegazioni - .

Sulla sua esperienza in Terra Santa, Vincent Nagle ha scritto Nella Terra di Dio, edito da Feltrinelli, mentre sul suo lavoro fra i malati ha pubblicato, con Itaca, Un prete fra i malati.

Allegati

Cafarnao, celebrazione della S. Messa nella chiesa che è posta sopra la casa di S. Pietro
Gerusalemme, celebrazione della Via Crucis sul percorso della Via Dolorosa

Festa di Natale 2016

- “Eredità spirituale di una grande donna”, ha definito AS.FRA. Mons. Paolo Martinelli, vescovo ausiliare della diocesi di Milano

“La vostra realtà sanitaria nasce dalla intuizione del cuore di una donna, intelligente, sensibile, attenta al bisogno di altre donne in sofferenza ed umiliate, capace di prendere iniziative adeguate per fronte al bisogno delle persone in grave difficoltà. AS.FRA., dedicata al disagio mentale, è eredità dell’esperienza spirituale di questa grande donna”. Queste parole ci ha rivolto Mons. Martinelli durante la celebrazione della Messa che ha aperto l’annuale festa di Natale di AS.FRA sabato 17 dicembre.

Una festa davvero speciale, quella di quest’anno. Non soltanto perché è la prima della nuova presidenza del dott. Alessandro Pirola, ma perché ha visto davvero protagoniste le persone che questa realtà vivono e costruiscono giorno per giorno. Primi fra tutti gli ospiti, che si sono esibiti in teatro con il canto, gli operatori, che hanno replicato anch’essi con canti corali e anche i familiari: sul palco è salita infatti anche la figlia, pianista di raro talento, di un nostro dirigente. Gli operatori hanno poi allietato i presenti con un pranzo conviviale nelle diverse comunità, terminato soltanto a pomeriggio inoltrato. Grande come da tradizione la partecipazione: non hanno voluto mancare i familiari, i dipendenti presenti e passati, tutti gli amici.


Fotogallery

Il messaggio di S.E. Mons. Paolo Martinelli

- Un estratto dall’omelia pronunciata dal vicario episcopale nella celebrazione della Santa Messa di Natale

Un caro saluto a tutti voi, fratelli sorelle, ai dirigenti, agli operatori, ai volontari e agli ospiti in questa casa, insieme ai parenti.

Sono lieto di celebrare questa santa Messa in questa sede dell’AS:FRA., “Associazione Fraterna”, fondata quasi 60 anni dalla serva di Dio Adele Bonolis.

(…) E’ bello ricordare in questo giorno anche il santo Padre, papa Francesco nel giorno del suo ottantesimo compleanno. (…) Tutta la Parola di Dio che abbiamo ascoltato ci parla di vicende al cui centro troviamo  donne (…), al limite della disperazione, persone diverse di cultura e di religione, che decidono di rimanere insieme, di fare un patto, un’alleanza per amore della vita. Queste due donne riconoscono un legame più forte delle circostanze avverse e delle loro diversità.

(…) Incontriamo poi nel vangelo la vicenda di Zaccaria ed Elisabetta, dai quali nasce Giovanni Battista, il precursore, colui che prepara la venuta del Signore Gesù, con lo “Spirito di Elia”, ci racconta il vangelo.

(…) Ormai al limite dell’impossibile, a Zaccaria viene annunciata la nascita di un figlio in tarda età. “A Dio nulla è impossibile”, è sempre la grande affermazione della Sacra Scrittura in questi giorni.

Tutti questi racconti, che hanno come protagoniste donne, ci mostrano che è possibile l’impossibile.

(…) Questo orizzonte ci permette di cogliere anche la storia della vostra realtà, fondata da una donna, Adele Bonolis, serva di Dio, di cui è in corso il processi per la beatificazione, che speriamo possa andare presto a buon fine.

La vostra realtà sanitaria nasce dalla intuizione del cuore di una donna, intelligente, sensibile, attenta al bisogno di altre donne in sofferenza ed umiliate, capace di prendere iniziative adeguate per fronte al bisogno delle persone in grave difficoltà.

Questa “As.fra”, dedicata al disagio mentale, è eredità dell’esperienza spirituale di questa grande donna.

La sua opera, la vostra casa, ebbe esplicito incoraggiamento e sostegno della arcidiocesi di Milano, in particolare dell’allora Cardinale Montini, oggi beato Paolo VI, e poi del Cardinale Martini, che venne a visitare questa casa e a dare il suo esplicito sostegno.

La Chiesa di Milano sente profondamente la bontà e la provvidenzialità di una esperienza come la vostra.

L’attenzione specifica al disagio mentale grave è espressione di una grande misericordia. In una società come l’attuale, spesso imbarazzata di fonte a questo tipo di malattia, c’è bisogno dell’opera generosa, fatta con competenza e dedizione, con amore e passione per il destino buono dell’altro in difficoltà.

Possa dunque la figura di Adele Bonolis ispirare sempre lo stile di questa grande opera.

Possa il santo Natale, in cui facciamo viva memoria della tenerezza di Dio per ogni uomo, in particolare per chi si trova in condizioni di disagio e di sofferenza, infondere coraggio, dedizione generosa(…). La Madonna, madre di Dio e madre nostra, interceda presso il Padre celeste perché nei nostri cuori ci sia la letizia e la gioia di sapersi amati incondizionatamente, voluti, desiderati e prenderci cura gli uni degli altri nell’amore.

Il Gruppo Teatro partecipa alla Rassegna Far rumore

Giovedì 10 Novembre alle ore 21 - presso il Cineteatro il Portico in Via Monsignor Grisetti 1 a Trezzo sull’Adda

La Compagnia teatrale del Centro Diurno Eudossia di As.Fra. presenterà “O la va..o la spacca. La vita è una lotta”

Spettacolo comico inserito nell’ambito della rassegna FAR Rumore 2016 Azioni per la salute mentale finalizzata ad informare, sensibilizzare e combattere lo stigma sulla salute mentale attraverso le arti.

Allegati

il volantino della rassegna

Convegno Nazionale “La cura al confine: le relazioni di cura tra incontro e cultura dello scarto”, organizzato da Medicina&Persona in collaborazione con l’Arcidiocesi di Milano, a Seveso e Milano

Presso il Centro Ambrosiano, a Seveso e a Milano dal 27 al 29 ottobre 2016 - Una due-giorni di lavoro che si confronta con la fragilità e il disagio psichico, con l’apporto di professionisti ed esperti, e che si conclude con la Lectio Magistralis dell’Arcivescovo di Milano Card. Angelo Scola

Dal “razionale” del Convegno: “Cultura, confine, corpo rapporto: parole che aprono a una prospettiva più ampia e a un’ipotesi opposta: che il legame tra una vita buona e la cura stia in una relazione, in una domanda. La cura implica che uno si muova e che si rivolga a un altro stabilendo una relazione di cura, che di norma si svolge nel tempo e spesso sconfina tra corpo e mente. sono coinvolti dei soggetti. Persone che incontrano sofferenza e malattia e si confrontano con la condizione umana sottesa: il timore di non poter guarire, di un’improbabile restituito ad integrum, tra speranza di guarigione e rifiuto del cambiamento, tra fiducia nella cura e resistenze. Gli operatori, nel prendersi/aver cura dell’altro, sfidano il rischio di affrontare tutto questo, che comprende lo “scarto” implicito nell’esperienza umana del dolore o del limite inaccettabile e insieme del desiderio di durare per sempre.”

Il Convegno, organizzato in sessioni plenarie e sessioni parallele, vedrà la partecipazione di numerosi operatori.

In particolare, la Fondazione AS.FRA., da anni impegnata nel campo della riabilitazione psichiatrica, parteciperà contribuendo ai lavori della sessione dedicata a Riabilitazione ed età della vita.

Per i dettagli si inviata a consultare il sito:

medicinaepersona.org

link diretto e Video della Lectio Magistralis del Cardinale di Milano Angelo Scola

Allegati

il Programma
Sessioni parallele

Mercatino dell’Antico

Domenica 16 Ottobre dalle ore 9 alle ore 17 - presso il centro Storico di Imbersago

In occasione del Mercatino dell’Antico 2016, il Centro Diurno Eudossia di As.Fra. in collaborazione con l’Associazione Volontari della Protezione Civile di Imbersago sarà presente con una vendita di prodotti realizzati dai suoi utenti nell’ambito delle proprie attività riabilitative e finalizzate, per As.Fra. alla realizzazione di un progetto di arteterapia, per la protezione civile all’acquisto di nuove attrezzature operative.

per maggiori info:

http://www.protezionecivile-imbersago.com/

Rassegna FAR RUMORE

Sabato 8 Ottobre alle ore 11.45 - Flash Mob

In occasione della XXV Giornata Mondiale per la salute mentale e nell’ambito della rassegna Far Rumore organizzata da ASST Vimercate e Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate, la Fondazione As.Fra. parteciperà al Flash Mob che si terrà nel piazzale antistante il Centro Scolastico Omnicomprensivo di Via Adda 7 a Vimercate.

Il video tutorial dell’evento è visibile su:

https://www.youtube.com/watch?v=E2EzQSQhO1Y&feature=share

“La casa e la cura: ti ho incontrato per sempre”: un invito per chi sarà al Meeting di Rimini dal 19 al 25 agosto

Rimini, dal 19 al 25 agosto 2016 - Per celebrare i 25 anni di vita, la Fondazione Maddalena Grassi ha realizzato una mostra che mette a tema l’incontro tra persone all’opera e persone ammalate, nelle più svariate dimensioni

Compie 25 anni la Fondazione Maddalena Grassi, ente senza scopo di lucro per l’assistenza di persone con malattie cronico-degenerative, neoplastiche, infettive e disturbi psichiatrici. La Fondazione, nata nel 1991 dall’incontro di alcuni medici, infermieri e fisioterapisti con la famiglia di Maddalena Grassi, che tramite questa iniziativa ha voluto mantenere viva la memoria della figlia, vuole incarnare il messaggio che anche la malattia, se accompagnata, può essere vissuta in modo positivo.

Il percorso espositivo visitabile nella 37ma edizione del Meeting per l’Amicizia dei Popoli è segnalato con particolare attenzione da AS.FRA., in quanto ciascuna delle due Fondazioni – pur nascendo in periodi differenti, se pur vicini, della nostra storia recente ed operando in campi specifici solo parzialmente sovrapponibili – condivide il fatto di essere mossa dalla medesima ispirazione e di esprimere il medesimo intento.

Alessandro Pirola, direttore Generale di Maddalena Grassi e Presidente di AS.FRA., illustra: «Nel corso dei 25 anni di operatività, la fondazione Maddalena Grassi ha curato a domicilio circa 20mila pazienti; ogni anno, a Milano, entriamo tutti i giorni in 600 famiglie per assistere al domicilio 1.800 persone, di cui 110 bambini. Un centinaio di pazienti, affetti da patologie croniche, è ospitato, a Vigevano e in Brianza, in Strutture psichiatriche, per malattie neurologiche degenerative e in Case di accoglienza per persone portatrici di patologie infettive».

http://www.fondazionegrassi.it/it/rassegna-stampa

Teatro in As.Fra.

25 giugno 2016, ore 16:30 - Spettacolo del Corso di Teatro svolto dal Laboratorio Teatrale di AS.FRA., presso l’Auditorium della Fondazione

A conclusione dell’attività dell’anno 2015-2016, il Laboratorio teatrale del Centro Diurno “Eudossia”, condotto dagli attori Carlo Rossi e Piero Lenardon coadiuvati dalla coordinatrice del Centro Silvia Papini e dall’operatrice Danila Oggioni, invita a uno spettacolo aperto a tutti, dal titolo:

                        O LA VA… O LA SPACCA!

            (Incontro valido per il titolo dei pesi clown)

Seguirà rinfresco.

Allegati

La locandina dello spettacolo

Intervento all’evento formativo accreditato ECM per gli operatori della Fondazione Maddalena Grassi

Vigevano, 8 giugno 2016 - Conferenza svolta dal Direttore Clinico di AS.FRA. sul tema: “La presa in carico residenziale del paziente psichiatrico: dalla riabilitazione alla domanda di cura”

La tradizionale concezione della riabilitazione come momento che succede alla cura, per stabilizzarne gli effetti o per aiutare il soggetto a recuperare la piena efficienza di funzioni colpite dalla malattia, è stata capovolta dal dr. Cavalleri, che propone di intendere l’intervento riabilitativo come quel complesso di azioni il cui scopo consiste proprio nell introdurre, o risvegliare, nel malato il desiderio della guarigione. È solo il desiderio di guarigione, infatti, che rende possibile la cura (e, sopra ogni altra, la cura psicologica), in quanto il desiderio (tradotto in termini psicologici: la motivazione) costituisce il “serbatoio” necessario e insostituibile dell’energia richiesta da ogni processo di cura, per renderne possibile lo svolgimento. 

Questo è il messaggio che il dr. Cavalleri ha lanciato nel contesto dell evento formativo intitolato “Dal superamento del manicomio ai servizi territoriali: evoluzione e prospettive dell’assistenza e cura psichiatrica”, organizzato dalla Fondazione Maddalena Grassi per i propri operatori delle Strutture di accoglienza di Vigevano, Concorezzo e Seveso.

Antonio Mandelli lascia ad Alessandro Pirola la carica di Presidente della Fondazione

9 maggio 2016 - La ratifica del passaggio di consegne da parte del Consiglio di Amministrazione di AS.FRA.

Con lo stile asciutto, sobrio e concreto che ha caratterizzato la sua conduzione, il dott. Mandelli ha lasciato la funzione di Presidente e Direttore Generale della Fondazione, che aveva assunto nel novembre 2008.

Entrato nel Consiglio di Amministrazione dell’ente nel giugno del 2004, partecipò con l’allora Presidente Luciano Medici ad immaginare il profondo mutamento che sarebbe derivato dalla realizzazione della nuova Casa Iris, gestendo poi la fase di riorganizzazione amministrativa ed operativa implicata dal passaggio dal regime di convenzione con la Regione Lombardia a quello di accreditamento con il Servizio Sanitario Regionale, il cui iter venne completato all’inizio del 2010.

Sono seguiti, poi, anni di impegno quotidiano intenso, nel quale la cura per le singole persone – operatori e ospiti – e per i dettagli della vita quotidiana si è fusa con la visione dell’orizzonte complessivo della dimensione del welfare entro cui il lavoro della Fondazione si inserisce, vissuta con la profonda convinzione personale – da lui comunicata fin dal primo incontro, nel settembre 2009, con i familiari dei pazienti in carico alla Fondazione – che la passione per le persone, che porta a condividerne i bisogni e a servirle, esprime la consapevolezza che in esse sia reso il servizio a Dio.

Tutte le persone che in questi anni lo hanno affiancato nel lavoro in AS.FRA. lo salutano esprimendogli la gratitudine per la testimonianza ricevuta, che a ciascuno ha reso un po’ più evidente la concretezza e la bellezza di questo servizio.

Ad Alessandro Pirola, già membro fin dal 2010 del Consiglio di Amministrazione di AS.FRA., impegnato da molti anni in associazioni del mondo sanitario e profondo conoscitore sia della gestione di aziende e strutture sanitarie, sia del ruolo e della funzione che un soggetto non-profit può svolgere all’interno delle problematiche riguardanti il servizio alla persona, tutti gli operatori e i collaboratori della Fondazione augurano che la sua azione energica e generosa possa sempre più sviluppare nell’attuale contesto socio-culturale le preziose implicazioni dell’opera fondata da Adele Bonolis.

Il saluto del Presidente Mandelli

Dal 9 maggio scorso ho lasciato la carica di Presidente e la conduzione della Fondazione, che il Consiglio di Amministrazione mi aveva affidato più di sette anni fa. La decisione è stata indotta principalmente da motivi strettamente famigliari, ma anche dal desiderio di lasciare spazio a persone giovani e preparate che, sono certo, saranno in grado di condurre la Fondazione anche meglio di me e potranno esse stesse crescere in esperienza ed umanità. Io continuerò a dare il mio contributo in qualità di componente del Consiglio di Amministrazione.

Lungi da me fare un bilancio del lavoro fatto per dare solidità e prospettive alla Fondazione, desidero invece comunicare che questi anni son stati per me personalmente pieni di occasioni per imparare ancora (grazie a Dio non si smette mai di imparare, anche alla veneranda età di 76 anni) e particolarmente significativi.

La Fondazione è, da questo punto di vista, un’occasione privilegiata per accompagnarsi ad una compagnia di ospiti, che vivono problematiche di salute veramente complesse ed in gran parte misteriose, che Dio ci affida affinché possiamo in essi servirLo e verificare quanto davvero la nostra fede ci può rendere più ricchi umanamente. Avere di fronte quotidianamente il limite alla persona, che si impone nonostante tutti i nostri sforzi e buoni propositi, dà l’occasione di accettare tutti i nostri stessi limiti ed errori e la chiara percezione che dipendiamo da un Altro che ci ama.

Voglio anche ringraziare tutti i collaboratori per la cordialità di rapporti che mi hanno consentito di instaurare e per il loro contributo professionale, che fanno sì che in Fondazione AS.FRA. si viva un clima che la rende “diversa” ed umanamente accogliente.

Auguro a tutti un buon lavoro per un continuo sviluppo della capacità di accoglienza della Fondazione secondo l’intendimento della Fondatrice dell’opera, Adele Bonolis, e di coloro che mi hanno preceduto nella carica.

Antonio Mandelli


Note Biografiche

Nato a Cremona nel 1940: coniugato, padre di sette figli e nonno di 22 nipoti (alla data di novembre 2011). Laureato nel 1964 in Scienze Economiche presso l’Università Bocconi.

Dal 1965 al 2001 ha lavorato con funzioni manageriali nell’area della finanza e del controllo di gestione e, negli ultimi anni come amministratore delegato, anche in diversi gruppi multinazionali quali Alivar (De Rica, Bertolli, Pavesi, ecc.), Rank Xerox, Mellin e Star Industria Alimentare, Industrie Grafiche Seregni. In particolare dal 1982 al 1992 è stato direttore generale del quotidiano Avvenire.

Attivo da sempre nel mondo del terzo settore quale fondatore e gestore nel mondo della cooperazione, delle fondazioni operanti nel settore socio-assistenziale, dell’associazionismo con finalità culturali.

Dal 2001 ha iniziato a dedicarsi prevalentemente a tale area di attività, ricoprendo fino al 2008 la carica di presidente nazionale dell’area non profit della Compagnia delle Opere.

In seguito, Presidente della Fondazione AS.FRA. onlus, Presidente della Fondazione Andrea Mandelli che gestisce una scuola frequentata da 600 alunni, Vice Presidente della Banca di Credito Coop. di Carugate (Istituto che opera nelle province di Milano, Lecco, Como, Monza Brianza), membro del Comitato per lo Sviluppo di Banca Prossima, Consigliere della Fondazione Nazionale del Banco Alimentare, Consigliere di CSR cooperativa Sociale che con un migliaio di dipendenti soci opera nel campo sanitario, consulente di aziende che operano nel campo della grafica e dell’editoria.

Appasionato di alpinismo, insieme ai figli ha scalato le principali cime delle Alpi.


Fotogallery

L’avvicendamento nel delicato ruolo di Economo e responsabile dei Servizi Tecnici di AS.FRA.

Maggio 2016 - Aldo Tardivo va in pensione e lascia il testimone a Gianni Cambiaghi

Dopo oltre 20 anni dedicati ad AS.FRA., impegnati a garantire, giorno per giorno, che tutto ciò che è necessario per l’accoglienza delle persone (ambienti, impianti, rifornimenti, mezzi e risorse) fosse presente, perfettamente funzionante e a disposizione di operatori e ospiti, Aldo Tardivo ha lasciato l’incarico, accompagnato dalla gratitudine di tutti coloro che in questi anni hanno potuto conoscerlo e apprezzare la sua capacità di mettere a disposizione, silenziosamente, le proprie energie.

Siamo certi che i nipotini, ai quali sta per dedicarsi in funzione di nonno, sapranno mantenere intenso e gratificante il ritmo delle sue giornate. 

A Gianni Cambiaghi, che giunge in AS.FRA. per assumere le funzioni lasciate da Aldo, la Fondazione dà voce al sentimento di tutti, colleghi e operatori, nell’esprimere il benvenuto e nell’augurare buon lavoro.


Fotogallery

Benvenuta, dottoressa Pini

Marzo 2016 - Una nuova psichiatra si unisce all’équipe di AS.FRA.

La dr.ssa Elena Pini, laureata in Medicina e specializzata in Psichiatria presso l’Università di Milano-Bicocca, entra a far parte dell équipe medica della Fondazione, dopo avere operato nell’ambito del Servizio di Psichiatria Penitenziaria della Casa Circondariale di Monza, afferente al Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Ospedaliera San Gerardo.

A lei va il benvenuto della direzione, dei colleghi e degli operatori della Fondazione, con l’augurio che il lavoro in AS.FRA. sia ricco di soddisfazioni umane e professionali.

Incontro con lo scrittore Andrea Vitali

23 gennaio 2016, alle 16h30 - Iniziativa culturale presso l’auditorium “Fiora Pasquarelli” della Fondazione, in collaborazione con il Comune di Vedano e con la libreria Area Libri di Seregno

L’iniziativa si è svolta nell’auditorium della Fondazione che, per l’occasione, appariva particolarmente gremito, non solo di ospiti, ma anche di pubblico esterno. Tra gli ospiti intervenuti erano presenti il sindaco di Vedano, ing. Renato Meregalli e gli assessori Selene Maria Dirupati, alla Cultura, e Innocenza Baiardi, ai Servizi Sociali.
La presentazione dell’ultimo romanzo dell’Autore, intitolato La suora storta, è stata preceduta e accompagnata da una breve performance in cui gli attori della Nuova Compagnia Teatrale della Fondazione hanno letto una selezione tratta dal libro 33 re, mentre gli ospiti del CRA di Piario, che accompagnavano l’Autore, hanno presentato alcune poesie.
Vitali, che con Andrea Camilleri è stato definito “l’autore italiano più prolifico”, è anche un uomo sensibile e con il dono di saper raccontare e rendere aneddoto non solo il passato, ma – si sarebbe tentati di dire – anche il presente. Così, le sue risposte alle domande postegli da Franca Villa, di Area Libri, sono diventate un racconto nel racconto, che ha saputo coinvolgere tutti.
L’evento si è concluso con un aperitivo finale.

Allegati

La locandina dell incontro

Fotogallery

Festa di Natale in AS.FRA.

19 dicembre 2015 - Prosegue la tradizione della celebrazione del Natale insieme ad ospiti e familiari

Come già negli scorsi anni, il prossimo sabato 19 dicembre festeggeremo insieme a tutti i nostri ospiti ed ai loro familiari, presso la nostra sede, con il seguente programma:
ore 10:15   Santa Messa presso la Cappella della Fondazione, in Casa San Paolo
ore 11:00   Ritrovo nel Teatro del Centro Diurno per il saluto del Presidente
                 La Nuova Compagnia Teatrale della Fondazione presenta:
                                                “Il Presepe vivente”
                 Esibizione del Coro.
ore 12:00   Aperitivo
ore 12:30   Pranzo e scambio dei doni nelle rispettive Comunità

La gradita partecipazione di parenti, amici e visitatori necessita la preventiva prenotazione o conferma ai Coordinatori di Comunità.

Allegati

Gli auguri del Presidente

Avvicendamento del Cappellano della Fondazione

Settembre 2015 - La staffetta tra don Ubaldo e don Vincent

La Fraternità Sacerdotale dei Missionari di San Carlo Borromeo ha chiesto a don Ubaldo Orlandelli, Cappellano della Fondazione dal luglio del 2012, di proseguire la sua missione in Abruzzo.
Accompagnano don Ubaldo nel nuovo incarico, la gratitudine e l’affetto di tutti coloro che, nel corso di questi tre anni, lo hanno conosciuto.
Per assicurare la prosecuzione della presenza del Cappellano, la Fraternità ha inviato don Vincent Nagle, a cui diamo il benvenuto.
Vincent Nagle è nato nel 1958 a San Francisco (USA), sesto di otto figli. Ha vissuto negli anni Sessanta e Settanta nel nord della California. Si è laureato in Sociologia presso l’Università di San Francisco e in Studi Classici presso il Sant’Ignatius Institute della stessa città. Nel 1981 si è trasferito in Africa e in Medio Oriente dove ha lavorato fino al 1985. Tornato in California ha completato i suoi studi di Teologia a Berkeley. L’incontro con il movimento ecclesiale di Comunione e Liberazione lo ha portato ad entrare, nel 1987, nella Fraternità Sacerdotale dei Missionari di San Carlo Borromeo, a Roma, dove è stato ordinato prete nel 1992 e dove, nel 1994, conseguì la laurea in lingua araba e storia della religione islamica presso il Pontificio Istituto di Studi Islamici. Ha trascorso il decennio successivo negli Stati Uniti come cappellano in un ospedale del New England. Dal 2006 al settembre 2012 è stato in missione in Terra Santa.


Fotogallery

Convegno sul ruolo delle strutture private–accreditate nella riabilitazione psichiatrica

25 giugno 2015 - Partecipazione al Convegno organizzato dall’IRCCS Policlinico San Donato-Clinica Zucchi di Carate Brianza

All’interno dell’evento formativo di Educazione Continua in Medicina, organizzato sotto la direzione scientifica del dr. Gianluigi Mansi, Psichiatra Responsabile UO Riabilitazione Psichiatrica e Residenzialità Psichiatrica CPA e CRA degli Istituti Clinici Zucchi, il dr. Pietro R. Cavalleri, Direttore Clinico della Fondazione, svolgerà la relazione dal titolo “La difficile posizione di enti gestori del privato-sociale alle prese con i paradossi del compito ri-abilitativo, tra aspettative sociali, prescrizioni giudiziarie, vincoli delle politiche sanitarie, ambivalenza e instabilità della domanda dei soggetti”.

Allegati

Il programma dell iniziativa
L intervento del dr. Cavalleri

Giornata di studio sulla Schizofrenia

4 giugno 2015 - Attività di aggiornamento per Psichiatri, Infermieri, Psicologi, Educatori Professionali, Tecnici per la Riabilitazione psichiatrica, presso l’Auditorium della Fondazione

Il 4 giugno 2012 l’Auditorium Fiora Pasquarelli, presso il Centro Diurno, ospiterà la giornata di studio organizzata con la sponsorizzazione dell’azienda farmaceutica Janssen, sul ruolo  dell’infermiere nei Servizi psichiatrici, in particolare nel trattamento della Schizofrenia.
Il corso, accreditato nel programma di Educazione Continua in Medicina, si svolge con il coordinamento scientifico del prof. Massimo Clerici, dell’Università di Milano Bicocca e Direttore del DSM dell’Azienda Ospedaliera San Gerardo di Monza, ed è svolto dai dottori:
  - Maria Ripalta Sergio, Psichiatra dell’Ambulatorio di Carate Brianza, MB;
  - Milena Provenzi, Psichiatra dell’Ambulatorio di Carate Brianza, MB;
  - Giuseppe Giunta, Psichiatra Responsabile dell’ambulatorio di Salute Mentale di Bellano, LC;
  - Salvatore Piliero, Infermiere del Centro Psicosociale di Nembro, BG.

Allegati

La locandina dell iniziativa

“Piccola conversazione” in pausa pranzo all’Università Cattolica, in tempo di Expo, davanti a un’installazione di Giorgio Vicentini

20 maggio 2015, dalle 13h00 alle 14h00 - Cortile d’Onore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano, largo A. Gemelli 1

L’Università Cattolica del Sacro Cuore – attraverso il Centro di Ricerca per l’Educazione attraverso l’arte e la mediazione del patrimonio culturale sul territorio e nei musei (CREA), diretto dalla prof.ssa Cecilia De Carli, e il Laboratorio UCSC ExpoLAB – ha chiamato nella sua sede milanese per i mesi di Expo tre opere d’arte attinenti al grande tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita:
  - dal 13 maggio al 12 giugno, Giorgio Vicentini espone l’installazione In corpore (2011/2015);
  - dal 16 giugno al 22 luglio Franca Ghitti espone l’installazione Ultima Cena (1963/2011);
  - dal 22 settembre al 22 ottobre, Gino Cosentino espone Sei sculture in pietra sul tema del nutrimento (fine anni ottanta e novanta).
Le tre istallazioni, che per loro natura hanno una necessaria interazione con il pubblico che ne diventa il centro, propongono tre storie diverse giungendo ad esiti di grande qualità.

In corpore di Giorgio Vicentini è stata esposta ai Magazzini del Sale a Venezia nel 2011. Realizzata dall’artista insieme agli ospiti del Centro diurno psichiatrico della Fondazione Emilia Bosis di Verdello in provincia di Bergamo, e oggi del tutto rivisitata, è costituita da un lunghissimo pentagramma che definisce un percorso nel quale il pane reale e il pane sognato sono appesi contemporaneamente. Scrive l’artista “È la prima volta che un pentagramma ostende il pane. Si tratta di una installazione drammatica e nello stesso tempo poetica. Eliminando ogni tipo di orpello romantico abbiamo puntato tutta la nostra creatività sulla purezza e indispensabilità del nostro pane quotidiano. La coraggiosa gittata di trenta metri del pentagramma esclude ogni sorta di retorica. In corpore è una struttura asciutta, una profonda preghiera concreta che mira dritto al cuore del problema alimentare. Sarà un viaggio comprensibile dentro l’indispensabilità dell’opera d’arte senza alcun inganno. Il ferro e il pane saranno lì a ricordarcelo.”
Il giorno dell’inaugurazione la Fondazione Emilia Bosis, presieduta da Pier Giacomo Lucchini proprietaria dell’opera, organizzerà una performance nella quale si produrranno attori professionisti, operatori socio-sanitari e soprattutto ospiti della comunità psichiatrica abili nella recitazione (durata 15-20 minuti).

Secondo una modalità propria dell’università, ma molto praticata anche dai grandi musei americani, il pubblico è invitato a partecipare a brevi conversazioni fra due interlocutori di diversa disciplina, chiamati a riflettere sull’influenza e il significato dell’opera esposta sul proprio ambito di appartenenza.
Mercoledì 20 maggio, si è svolto il dialogo tra:
  - Silvano Petrosino, filosofo,
  - Pietro R. Cavalleri, psichiatra, Direttore Clinico della Fondazione AS.FRA.

http://progetti.unicatt.it/progetti-ateneo-progetti-tre-installazioni-in-universita-cattolica-nel-tempo-di-expo#content

Devozione Mariana nel mese di maggio

20 maggio 2015, 20h45 - Iniziativa della Parrocchia di Santo Stefano di Vedano nel giardino della Fondazione

Come già avvenuto negli scorsi anni, don Eugenio Dalla Libera anche quest’anno ha inserito la piccola grotta della Madonna, sita nel giardino di AS.FRA., tra i luoghi devozionali che raccolgono i fedeli per le recita del Rosario. Al gesto ha partecipato un piccolo gruppo di parrocchiani insieme ad operatori e ospiti della Struttura.


Fotogallery

Corso di formazione della Fondazione Maddalena Grassi

12-13-14 maggio 2015 - Intervento del Presidente di AS.FRA. nelle sedi di Milano, Concorezzo e Vigevano

Il presidente della Fondazione dott. Antonio Mandelli ha tenuto tre relazioni agli operatori della Fondazione Maddalena Grassi sul tema “La formazione del giudizio e l’esercizio della responsabilità: conoscenza, competenza, esperienza, decisione”.
Gli interventi erano parte del percorso di formazione che la Fondazione Maddalena Grassi ha organizzato presso tre delle sue sedi operative di Milano, Concorezzo e Vigevano, dove si sono riuniti gli operatori che svolgono attività di assistenza sanitaria domiciliare e accoglienza di malati di AIDS, assistenza sanitaria per disabili e assistenza sanitaria per malati psichiatrici.

Avvicendamento nell’équipe medica di AS.FRA.

Gennaio 2015 - Commiato del dr. Glauco Maria Genga

Al termine di un anno di collaborazione proficua e ricca di stimoli umani e professionali, molteplici e gravosi impegni costringono il dr. Genga a lasciare la collaborazione con AS.FRA.
Il Direttore Clinico, certo di interpretare i sentimenti della Presidenza, dei colleghi, degli operatori e dei pazienti, esprime all’amico e collega il proprio personale ringraziamento per la disponibilità senza riserve che egli ha saputo mostrare in un frangente impegnativo per la Fondazione, assicurando con la sua presenza competente la continuità terapeutica per i pazienti affidati alla Fondazione.

Completamento del passaggio all’informatizzazione integrale della documentazione delle attività cliniche e riabilitative condotte nelle Strutture Residenziali e nel Centro Diurno della Fondazione

1 gennaio 2015 - Con l’avvio del nuovo anno, il programma “Leonardo Clinical Folder” – applicazione informatica originale, sviluppata dal gruppo di lavoro AS.FRA. in collaborazione con la software house Estudiocontrol – sostituisce gli strumenti cartacei di documentazione clinica

Con la messa a disposizione delle funzioni relative alla programmazione e all’esecuzione delle prestazioni individuali e di gruppo, tanto di tipo sanitario che di tipo riabilitativo, il programma “Leonardo” permette agli oltre 100 operatori della Fondazione, accreditati con password personale, di agire da oltre 30 terminali che possono accedere contemporaneamente al programma.
“Leonardo” gestisce la documentazione delle attività cliniche di tutti i pazienti in carico, a partire dalla ricezione della domanda, per tutta la fase di valutazione e di inserimento nella lista di attesa, fino alla presa in carico residenziale o semi-residenziale, integrando, nel rispetto della riservatezza, le informazioni personali e i dati sensibili inerenti il trattamento.
Le funzioni relative alla programmazione e all’esecuzione delle prestazioni individuali e di gruppo si aggiungono alle funzioni già gradualmente attivate a partire dal 2011. Dette funzioni consentono di rintracciare tempestivamente tutte le informazioni cliniche e anagrafiche riguardanti il singolo paziente e di tracciare in maniera chiara e affidabile tutte le azioni compiute in corso di trattamento, suddividendo le informazioni in molteplici sezioni: Scheda anagrafica; rete dei Servizi di Psichiatria della Regione Lombardia con indicazione dei singoli referenti del paziente; gestione della Lista di attesa e cronologia dei contatti della fase di valutazione; Registro delle presenze; Diario infermieristico e paramedico; Anamnesi; Esame obiettivo generale e psicopatologico; Assessment clinico e riabilitativo; Diagnosi; Piano di Trattamento Riabilitativo; Operatori referenti del trattamento presso la Fondazione; prescrizione del trattamento farmacologico ed effettiva somministrazione dei farmaci; prescrizione di esami di laboratorio e accertamenti clinici; tabelle di raccolta e visualizzazione dei principali parametri biomedici inerenti il trattamento; Agenda degli adempimenti cui il paziente è tenuto nei riguardi di altre Agenzie e Servizi (Autorità Giudiziaria, Ente Previdenziale ecc.); Diario di ogni singola prestazione (sanitaria, riabilitativa, assistenziale); organizzazione della partecipazione ad attività riabilitative di gruppo e resoconto di ogni singola seduta; suddiviso in un’annotazione collettiva (visibile nel diario di ogni componente del gruppo) ed in un’annotazione individuale (che viene visualizzata in maniera riservata nella documentazione clinica individuale di ciascun singolo soggetto interessato).

http://www.estudiocontrol.it/programmi/clinica-psichiatrica/

Il completamento della cappella di Casa San Paolo, in occasione della festa di Natale

13 dicembre 2014 - Inaugurazione dello sportello del tabernacolo, opera dello scultore Dino Quartana

Il ritrovo per la festa di Natale è stato occasione per l’inaugurazione dello sportello del tabernacolo, che completa la cappella, il cui complessivo rifacimento è stato realizzato lo scorso anno.
L’opera consiste in una piastra di ferro, di forma quadrata, con il lato di circa 40 cm., che, essendo fissato con una cerniera lungo un lato verticale, svolge la funzione di portale del tabernacolo, contenuto nello spessore del muro absidale e posizionato a circa 140 cm. da terra nell’emicurvatura sinistra.
La superficie della piastra rivolta verso l’esterno fa da base alla scultura, consistente in un altorilievo che richiama una raggiera asimmetrica, che si diparte (o converge) in un centro, in cui la materia ferrosa diviene luminosa e quasi si trasfigura grazie a una sapiente doratura. 
L’opera è stata realizzata dallo scultore Dino Quartana, artista milanese, ex-allievo di Adele Bonolis, che, essendo divenuto domenicano negli anni ’60, da allora vive a Parigi.
Come negli anni precedenti, la festa di Natale è stata preceduta dalla S. Messa, che quest’anno è stata celebrata dallo stesso Padre Quartana e concelebrata dal cappellano di AS.FRA, don Ubaldo Orlandelli, e dal parroco di Vedano, don Eugenio Dalla Libera.
Al termine della Messa, il Sindaco di Vedano, ing. Renato Meregalli, ha formulato i propri auguri.
La festa è proseguita nell’Auditorium “Fiora Pasquarelli”, dove il Presidente Antonio Mandelli ha presentato, in un breve discorso, il bilancio del percorso compiuto nel corso dell’anno ed ha espresso i propri voti augurali, per poi concludersi con il momento conviviale organizzato in ciascuna comunità, cui hanno partecipato ospiti, familiari, amici e operatori.

Notizie relative a Dino Quartana:
http://www.lumera.it/?page=artisti&idArtista=4 

Allegati

Il Messaggio del Presidente

Fotogallery

Mostra del fotografo Carlo Milani

Dicembre 2014 - Esposizione di 31 scatti del fotografo Carlo Milani, nella hall di Casa San Paolo

In occasione del periodo delle festività, nella hall di Casa San Paolo è stata allestita una mostra fotografica di Carlo Milani, autore varesino nato nel 1977, laureato in storia e da sempre appassionato di fotografia.
Sono state esposte 31 istantanee, che l’autore presenta come “appunti sparsi di viaggio”: momenti fotografici realizzati a colori o in bianco e nero, paesaggi o particolari colti in Italia, Francia, Spagna e Regno Unito.
Le opere sono state realizzate in digitale con macchine fotografiche reflex Canon.


Fotogallery

“Conferenza territoriale integrata della Salute Mentale”, promossa dall’Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale della ASL di Monza e Brianza

Mercoledì 12 novembre 2014, dalle ore 09:00 alle 18:00 - presso la Sala congressi del Banco Desio, via Rovagnati 1, Desio - sul tema: “I Servizi di residenzialità oggi: il lavoro territoriale che cambia tra criticità e nuovi modelli”

Come bene esprime il programma, la Conferenza – organizzata congiuntamente dall’Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale dei Servizi per gli adulti e per l’età evolutiva – vuole favorire il confronto su modelli, esperienze e progettualità in essere e offrire un’occasione di riflessione sull’offerta dei servizi a favore di persone con disturbi psichici. La conferenza ha anche l’obiettivo di facilitare il confronto tra gli operatori psico-sociali e sanitari dell’ASL e delle Aziende Ospedaliere di Monza e di Desio e Vimercate, gli operatori sociali degli Enti Locali, gli operatori delle Scuole di ogni ordine e grado del territorio provinciale, il Terzo settore, il Volontariato, le Associazioni di familiari e di utenti.
La partecipazione attiva della Fondazione alla giornata di studio si esprime mediante l’intervento del Direttore Clinico, dr. P.R. Cavalleri, che interverrà alla Tavola rotonda dal titolo: “Le sperimentazioni e le esperienze: sguardi da lontano e visioni da vicino”, dalle 15:00 alle 17:00.

Allegati

la Locandina dell'evento

IL SOGGETTO E I PERCORSI DI CURA, Convegno promosso dall’Associazione “Medicina & Persona” in collaborazione con la Diocesi di Milano

Dal 16 al 18 ottobre 2014 - a Triuggio, MB, presso Villa Sacro Cuore

Il Convegno coinvolge varie esperienze impegnate nell’assistenza, cura e riabilitazione di adulti e minori, nella riflessione sui nessi tra sapere scientifico e umanistico, tra competenze umane e tecniche nelle professioni e nella pratiche per la salute.
Da segnalare la partecipazione di S.E. il Card. Angelo Scola, Arcivescovo di Milano, che venerdì 17 ottobre, terrà una lettura magistrale sul tema “Quale cura?”
La partecipazione attiva della Fondazione al Convegno si esprimerà mediante l’intervento del Direttore Clinico, dr. P.R. Cavalleri, che sarà tra i partecipanti alla Tavola rotonda di sabato 18 ottobre, dal titolo “I percorsi di cura, la relazione tra soggetti, la comunità: tra relazioni di prossimità, bisogno di significato e procedure di presa in carico”.

Allegati

la Locandina dell'evento
l'intervento di As.Fra. a cura di Pietro R. Cavalleri

Università Cattolica, “Programma formativo in Economia e gestione degli Enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica”

19 settembre 2014 - Intervento del Presidente di AS.FRA. al Corso promosso dall’Istituto CERISMAS in collaborazione con ALTIS (Alta scuola Impresa e Società) e ALTEMS (Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari) dell’Università Cattolica di Milano

Il dott. Mandelli è stato invitato a illustrare il metodo di elaborazione di un Planning economico-finanziario, di un correlato Operating Plan e le modalità per attuarlo, finalizzati ad ottenere da Istituti di Credito il finanziamento di significativi investimenti in opere strutturali e del Working Capital di un Ente non profit.
Al corso formativo hanno assistito dirigenti, direttori generali ed amministrativi di Enti religiosi di rilevanza nazionale ed internazionale.

25 settembre 2014 - Intervento del Presidente di AS.FRA. al Corso promosso dall’Istituto ALTIS (Alta scuola Impresa e Società) dell’Università Cattolica di Milano in collaborazione con VODAFONE

Il dott. Mandelli è stato invitato a trattare il tema: Management delle imprese sociali - differenze e aspetti comuni rispetto al management for profit.
All’incontro, nel corso del quale il dott. Mandelli ha potuto fare riferimento sia alla esperienza accumulata nel management di imprese profit nazionali e multinazionali sia a quella ventennale nella conduzione di Opere sociali e di loro reti, hanno partecipato dirigenti, direttori generali ed amministrativi di Enti non profit ed hanno assistito anche manager della VODAFONE presso la cui sede si è svolta l’iniziativa.

AS.FRA. partecipa alla “Festa degli orti… e non solo”, organizzata dal comune di Vedano al Lambro

Domenica 31 agosto 2014, dalle 09h00 alle 13h00, a Vedano in l.go Repubblica - Rinnovando l’esperienza inaugurata nel 2013, anche quest’anno AS.FRA. partecipa a una manifestazione tradizionale per tutti i vedanesi

AS.FRA. è presente con un proprio banchetto alla mostra-mercato dei prodotti dell'orto e della terra, cui partecipano tutti i vedanesi che coltivano un orto e che desiderano far conoscere i loro prodotti, ma anche numerose associazioni di volontariato, tra le quali: La Banca Del Tempo, l’associazione Sul filo dell’Arte e la Cooperativa Azalea.
Il ricavato sarà devoluto all’Associazione UNITALSI di Vedano al Lambro.

“People are strange”

20 giugno 2014, ore 21:00 - Serata conclusiva dell’attività 2013-2014 del Laboratorio di Drammaterapia di AS.FRA., presso l’Auditorium della Fondazione

Una voce narrante ironica e sensibile introduce gli sprazzi di vita di alcune coppie e delle loro storie: strane, buffe, surreali, tenere.
Sul filo dell’improvvisazione, i ragazzi di Casa IRIS invitano a partecipare attivamente ad un incontro di Drammaterapia, per scoprire come in ognuno di noi, in fondo, si nasconde un attore…

Il laboratorio di Drammaterapia si conclude con una “lezione aperta”. Il momento del contatto con il pubblico chiude e completa il lungo e ricco percorso intrapreso, a partire da ottobre, con 15 ragazzi delle comunità R1 ed R0. Un lavoro di gruppo centrato sulla conoscenza reciproca, sulla collaborazione ed il divertimento, sul linguaggio del corpo e sulla possibilità di sperimentare diverse forme di espressione. Utilizzando le tecniche base proprie del teatro, i partecipanti al Laboratorio hanno costruito ed intrecciato, incontro dopo incontro, storie e situazioni che hanno trovato sul palco la possibilità di esistere. La drammatizzazione, però, rappresenta solo la parte conclusiva del cammino; le varie tappe del processo, il “come” ci si arriva,  sono altrettanto fondanti. Per questo motivo, dopo le improvvisazioni che i membri del gruppo metteranno in scena, anche il pubblico sarà coinvolto in due semplici giochi teatrali di gruppo. Sarà un modo per condividere le emozioni che ci hanno accompagnato in questi mesi; un’occasione per far festa, per provare in prima persona cosa succede in un setting di drammaterapia e, perché no, per scoprire quanto sia semplice e bello conoscere l’attore che vive in ognuno di noi.

Tre giorni di convivenza

30 maggio - 2 giugno 2014 - Proposta di convivenza estiva per gli operatori della Fondazione Maddalena Grassi e della Fondazione AS.FRA

Il cappellano don Ubaldo Orlandelli, propone a tutti gli operatori un breve periodo di vacanza, per ritemprare il corpo e lo spirito, presso la località di Tabiano Terme - Salsomaggiore Terme (Parma).

Di seguito il programma completo:

Allegati

scarica il programma dell'evento

Benvenuta, dottoressa Agosti

Maggio 2014 - Una nuova psichiatra si aggiunge ai medici della Fondazione

La dr.ssa Marta Agosti, monzese, laureata in Medicina presso l’Università di Milano-Bicocca e specializzata in Psichiatria presso l’Università di Brescia entra a far parte dell’équipe medica della Fondazione, per incrementare le potenzialità di presa in carico terapeutica dei pazienti residenti nelle Comunità Protette.
A lei va il benvenuto della direzione, dei colleghi e degli operatori della Fondazione, con l’augurio che il lavoro in AS.FRA. sia ricco di soddisfazioni umane e professionali.

Visita di mons. Patrizio Garascia, vicario episcopale di zona

2 maggio 2014 - Sarà presente in AS.FRA. dalle ore 11:00 per incontrare operatori e ospiti

La Fondazione è grata a Mons. Patrizio Garascia, vicario episcopale per la zona di Monza della Diocesi ambrosiana, di avere accettato l’invito del Presidente di AS.FRA., dott. Mandelli, di visitare la nostra realtà ed incontrare coloro che vi operano.
La visita si concluderà alle ore 14:15 con la Santa Messa nella Cappella di Casa San Paolo, che Mons. Garascia concelebrerà insieme a don Ubaldo Orlandelli, cappellano di AS.FRA, e a don Eugenio Dalla Libera, parroco di Vedano.

Diamo il benvenuto ai nuovi colleghi psichiatri che entrano a far parte dell’équipe medica di AS.FRA.

Gennaio 2014 - Acquisizione di nuove collaborazioni professionali, dopo le dimissioni della dr.ssa Della Patrona

Dopo la cessazione della collaborazione dei dottori Mazzariol e Della Patrona, dallo scorso mese di ottobre l’équipe psichiatrica di AS.FRA. si è rinnovata e ha stabilito nuovi rapporti di collaborazione con tre colleghi che ne sono entrati a far parte a pieno titolo tramite incarico libero-professionale, assumendo l’impegno di integrarsi nella comunità di lavoro che nel corso degli ultimi cinque anni ha rinnovato la pratica assistenziale e terapeutica della Fondazione, per arricchirla ulteriormente con la loro competenza, maturata, per ciascuno di essi, in ormai lunghi anni di attività clinica, tanto nelle istituzioni pubbliche del Servizio Sanitario, quanto nell’attività clinica psichiatrica e psicoterapeutica.
Diamo pertanto il benvenuto ai dottori Fabio Brambilla, Glauco Maria Genga ed Ettore Muscogiuri, a cui auguriamo che l’incontro con AS.FRA., iniziato nel corso di questi mesi e che ora diviene operativo, possa arricchire la loro esperienza umana e professionale tanto quanto – siamo sicuri – costituirà un arricchimento per la Fondazione.

 

note biografiche del dr. Fabio Brambilla

note biografiche del dr. Glauco Maria Genga

note biografiche del dr. Ettore Muscogiuri

A conclusione di un anno di lavoro ricco di avvenimenti, prepariamoci a celebrare il Natale e ad accogliere il Nuovo Anno 2014

14 dicembre 2013 - Come è ormai tradizione, condividiamo un momento di familiarità tra operatori, amici, ospiti e famiglie

Dopo avere preso in considerazione l’idea di introdurre qualche variazione all’immagine che nel corso degli ultimi cinque anni abbiamo dato alla Festa di Natale e dopo avere molto dibattuto se fosse stato meglio attenerci a questa nostra piccola “tradizione” oppure se fosse stato preferibile introdurre qualche cambiamento, abbiamo deciso di ritrovarci insieme riproponendo il programma degli scorsi anni, tanto gradito era il ricordo delle Feste di Natale che abbiamo trascorso insieme in AS.FRA.
La tradizione così è stata riconfermata, seppure con un tocco di novità, costituito – per chi ha partecipato alla Messa celebrata nella Cappella di Casa San Paolo – dalla nuova veste che, per l’appunto, la nostra Cappella ha assunto, al termine dei lavori di ristrutturazione che l’hanno condotta a diventare veramente un luogo che invita al raccoglimento e alla preghiera.
Dopo la Messa, celebrata dal cappellano della Fondazione don Ubaldo Orlandelli, affiancato dal parroco di Vedano don Eugenio Dalla Libera, tutto è proseguito con semplicità e ritmo: il saluto del sindaco di Vedano, ing. Renato Meregalli, accompagnato dall’Assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali, arch. Innocenza Baiardi, ormai di casa in AS.FRA.; il bilancio dell’anno che sta per concludersi, da parte del Presidente dott. Mandelli, che ha potuto così comunicare gli sforzi e le realizzazioni a cui sono state dedicate quest’anno le energie dell’ente.
Ha concluso questo momento una esibizione del coro, che ha proposto quattro brani – uno tratto dal repertorio operistico verdiano (Va’ pensiero), uno pop (Quando una stella muore, di Giorgia), uno natalizio della tradizione inglese (We wish you a Merry Christmas) e un Gospel (Oh happy day) – tutti molto apprezzati.
È seguito poi il pranzo, ospitato in ciascuna delle quattro comunità e nel Centro Diurno, a cui hanno partecipato circa 320 persone e – da ultimo – l’offerta dei doni personalizzati a ciascuno degli ospiti e di un piccolo pensiero per ciascuna famiglia presente.

Allegati

il messaggio del Presidente

Con l’avvio del secondo miniappartamento, si consolida il progetto sperimentale – attivato dalla Fondazione nel luglio 2011 – per rendere possibile una residenzialità autonoma e assistita

Ottobre 2013 - Altri due ospiti delle comunità di AS.FRA. raggiungono l’obiettivo della dimissione grazie all’allestimento di un appartamento che consentirà loro di vivere in autonomia, mantenendo un solido supporto dal Centro Diurno della Fondazione

Dal luglio 2011, la gamma di modalità e risorse riabilitative di AS.FRA. è stata ampliata con una forma innovativa di residenzialità protetta, che consiste nel mettere a disposizione di pazienti che ne abbiano l’idoneità, appartamenti che la Fondazione prende in affitto con facoltà di subaffittare. Il progetto è stato pensato per quelle persone che avendo maturato, nel corso dell’esperienza residenziale, una buona competenza in ordine alle incombenze della vita quotidiana e della propria stabilità personale, dispongano anche delle risorse economiche necessarie al pagamento delle quote personali relative all’affitto, alle utenze e alle spese vive di sussistenza. A questi pazienti AS.FRA. garantisce – in accordo con il Servizio Psichiatrico del territorio – la presa in carico presso il proprio Centro Diurno dal lunedì al sabato, completando l’assistenza con l’intervento di un operatore al domicilio, tre volte alla settimana, per l’aiuto nell’organizzazione e gestione della casa, del menage quotidiano e per il sostegno ad affrontare l’esperienza dell’autonomia.
La rete di appartamenti, ad oggi, è costituita da due bilocali, situati nelle vicinanze della Fondazione, ciascuno dei quali accoglie 2 persone.

AS.FRA. incontra Vedano al Lambro: una serie di appuntamenti – che si snoderanno per tutto il mese di settembre – per conoscere la Fondazione

1 settembre 2013, dalle 09h00 alle 13h00, a Vedano in l.go Repubblica - Partecipazione alla “Festa degli orti”

Con l’intento confermare la propria appartenenza al territorio, la Fondazione, in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali del comune di Vedano, ha programmato una serie di iniziative che si svolgeranno nel corso di tutto il mese di settembre, per aggiornare ed accrescere i vincoli che fin dagli anni ’70 la legano al territorio vedanese.

La prima manifestazione in calendario è il tradizionale appuntamento della Festa degli orti, evento che l’Amministrazione Comunale ogni anno dedica agli ortisti urbani.
AS.FRA. partecipa insieme ai vedanesi coltivatori di orti, ai volontari della Scuola Agraria del Parco di Monza e a diverse associazioni del territorio, tra le quali La Banca Del Tempo, l’associazione Sul filo dell’Arte e la Cooperativa Azalea.
Gli utenti e gli operatori di AS.FRA., presenti con il proprio banco di esposizione, hanno partecipato alla vendita dei cesti confezionati dal Gruppo Orto, il cui ricavato è stato interamente devoluto all’Associazione Unitalsi di Vedano al Lambro.
L’atelier de ”L’Officina del verde”, che svolge la propria attività presso la serra di AS.FRA., ha arricchito l’esposizione con composizioni di piante grasse, di bonsai e di piante fiorite.


Fotogallery

Storia di AS.FRA. e della sua fondatrice Adele Bonolis

14 settembre 2013, 09h30, Comune di Vedano al Lambro, l.go Repubblica 3 - Storia di AS.FRA. e della sua fondatrice Adele Bonolis

Il Presidente delle Fondazione, dott. Antonio Mandelli, presenta la mostra dedicata alla vita e alle opere della fondatrice Adele Bonolis, donna che rappresenta genuinamente il carattere della carità ambrosiana, la quale, mossa dal desiderio di assistere persone dimesse dal carcere e dai manicomi giudiziari, inizia a operare a Vedano nel 1970, nella struttura denominata “Casa San Paolo”, acquisita con il contributo economico del card. Montini, poi Papa Paolo VI.

La mostra, allestita presso l’atrio del Comune, potrà essere visitata fino al 20 settembre e sarà aperta (ad esclusione della domenica) tutte le mattine dalle 09h00 alle 12h30 (mercoledì con estensione dalle 16h00 alle 18h00).

 

- per approfondire:
  http://www.adelebonolis.it/

- consulta anche la sezione relativa sul sito del Comune di Vedano al Lambro:
  http://www.vedanolambro.it/comunicazioni/news/As.Fra.-incontra-Vedano-/

Allegati

scarica la Locandina dell’evento

Esposizione dei lavori di Leandro Savoldelli, realizzati in uno degli atelier di AS.FRA.

21 settembre 2013, 09h30, Comune di Vedano al Lambro, l.go Repubblica 3 -

Cristina Filippo, Tecnico della Riabilitazione psichiatrica, presenta i lavori di Leandro Savoldelli, che resteranno esposti fino al 26 settembre, presso l’atrio del Comune.
La mostra potrà essere visitata tutte le mattine (ad esclusione della domenica) dalle 09h00 alle 12h30 (mercoledì con estensione dalle 16h00 alle 18h00).

Open day AS.FRA.: una giornata di conoscenza aperta a tutti…

28 settembre 2013, dalle 14h00 alle 18h00, presso la nostra sede -

Mostreremo e racconteremo il nostro lavoro, condividendo le nostre esperienze con tutte le persone che verranno a farci visita.

Allegati

scarica il volantino dell'Open Day

Avvicendamento nell’équipe psichiatrica di AS.FRA.

Agosto 2013 - Il congedo del dr. Mazzariol

Nel prossimo mese di settembre il dr. Matteo Mazzariol, referente per la CPA “P2” e coreferente per la CRA “R0”, terminerà la propria collaborazione con AS.FRA., presso cui ha operato dal 2010.
Al collega – che per motivi professionali si trasferisce dalla Lombardia alla Sicilia – esprimiamo la gratitudine per il lavoro svolto e auguriamo un futuro ricco di soddisfazioni.
Le dr.sse Cinzia Mattavelli e Simona Milani – che già fanno parte dell’équipe psichiatrica della Fondazione – sostituiranno il collega rispettivamente nella CPA “P2” e nella CRA “R0”.

Laboratorio Teatrale

19 luglio 2013, ore 21:00 - Serata conclusiva dell’attività 2012-2013 del Laboratorio Teatrale di AS.FRA., presso l’Auditorium della Fondazione

Il Laboratorio teatrale di CASA IRIS, condotto dall’attore Carlo Rossi – che è stato, alla fine degli anni ’70, tra i fondatori della Filarmonica Clown e membro del Teatro de Gli Incamminati –conclude il suo percorso per l’anno 2013 con la presentazione di uno spettacolo aperto a tutti.
Gli attori in scena sono cinque ospiti delle Comunità “R0” ed “R1”, affiancati da Serena Vailati (educatrice), Emilia Leonelli (drammaterapeuta) e dallo stesso Carlo Rossi - www.lascuoladellearti.it

ALLA RICERCA DI UCCIO
(Storie di pesci fuor d’acqua)

Un matrimonio sgangherato, un concerto che si tinge di giallo, un ridicolo esperimento scientifico: tre situazioni  apparentemente normali  animate da personaggi grotteschi e assurdi, teneri e divertenti. Tre situazioni dove tutto diventa possibile e dove l’improvvisazione permette di giocare con la realtà. L’esperienza e l’ironia di Carlo Rossi (attore e clown) guidano i ragazzi della Comunità IRIS in un piccolo viaggio all’interno del comico, con lo sguardo leggero e disincantato che solo i pesci fuor d’acqua possono avere quando si trovano nel posto sbagliato al momento giusto….

Allegati

vai alla Locandina

Università Cattolica, “Corso formativo per Enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica”

10 maggio 2013 - Intervento del Presidente di AS.FRA. al Corso promosso dall’Istituto CERISMAS in collaborazione con ALTIS (Alta scuola Impresa e Società) e ALTEMAS (Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari) dell’Università Cattolica di Milano

Ritenendo che le modalità di rapportarsi con gli Istituti Bancari e il modello di Project Financing attuato dalla Fondazione costituisca una best practice, gli organizzatori del Corso hanno invitato il dott. Mandelli a illustrare il percorso compiuto da AS.FRA. per finanziare la realizzazione delle opere strutturali necessarie per conseguire l’accreditamento Regionale. Al Corso formativo assisteranno dirigenti, direttori generali e direttori amministrativi di Enti religiosi di rilevanza nazionale.

Aiutiamo AS.FRA. ad essere sempre più una realtà viva del territorio

2 maggio 2013 20h45 - Accogliamo i parrocchiani di Vedano per la recita del Rosario presso la piccola grotta della Madonna nel giardino di AS.FRA.

Corrispondendo al desiderio di AS.FRA. di essere parte viva del territorio vedanese e della sua comunità ecclesiale, don Eugenio Dalla Libera, Parroco di Santo Stefano Protomartire, ha avuto l’idea di inserire anche AS.FRA. tra le “stazioni” che, nel mese di maggio, proseguendo un’antica devozione ambrosiana, raccolgono i fedeli per le recita del Rosario serale.
Mentre esprimiamo la nostra gratitudine per la paterna attenzione che ha mosso don Eugenio, diamo il benvenuto a tutte le persone che parteciperanno, augurandoci che siano numerose!
Per l’occasione il cancello di AS.FRA. in via Misericordia 51 sarà aperto, con ampia possibilità di parcheggio sia all’interno del parco, sia all’esterno nelle vicinanze dell’ingresso.

Informazioni ulteriori sono disponibili contattando direttamente la Parrocchia (tel. 039 49 27 44), il Parroco (indirizzo mail: parroco@santostefanovedano.org e sito web: www.santostefanovedano.org) o telefonando alla Segreteria di AS.FRA. negli orari di ufficio.

11 maggio 2013 dalle 14h30 alle 16h30 - Accogliamo l’oratorio di Vedano per il ritiro dei Cresimandi, presso l’Auditorium di AS.FRA.

AS.FRA. è felice di ospitare i ragazzi che si preparano a ricevere il Sacramento della Cresima in occasone della mezza giornata di ritiro, che si svolgerà nell’Auditorium sito presso il Centro Diurno, sotto la guida del Parroco don Eugenio Dalla Libera e delle catechiste.
Auguriamo a tutti i partecipanti di vivere con intensità questo momento, assicurando che la loro presenza costituisce per noi tutti, che frequentiamo AS.FRA. quotidianamente per motivi di lavoro o di cura e riabilitazione, un prezioso apporto di linfa vitale!

Intervento al Corso di Aggiornamento per gli operatori delle Comunità Psichiatirche “Petrarca”, “Manzoni” e “Dante” della Società “La Villa s.r.l.”

4 aprile 2013 - Conferenza svolta dal Direttore Clinico di AS.FRA. sul tema: “Che cosa è la malattia psichica: criteri di inquadramento dei disturbi psichiatrici”

La dott.ssa Pierluigia Verga, Responsabile delle Attività Riabilitative, e la dr.ssa Giuliana Zaccone, Responsabile Clinico delle Strutture Riabilitative Residenziali della società “La Villa s.r.l.”, le cui comunità hanno sede a Fino Mornasco, CO, hanno invitato il dr. Cavalleri ad inaugurare il Piano di formazione per l’anno 2013, articolato complessivamente in otto incontri che si concluderanno nel mese di novembre e che vedranno tra i docenti la dr.ssa Gaia Guggeri, il dr. Claudio Cetti, la dr.ssa Francesca Regispani, il dr. Carlo Fraticelli, il prof. Simone Vender, oltre alle stesse organizzatrici, dr.sse Verga e Zaccone.
Alla seduta inaugurale del Corso, finalizzato a tracciare un’introduzione alla psichiatria per l’acquisizione degli strumenti necessari ad operare in funzione riabilitativa con pazienti psichiatrici gravi, hanno partecipato una trentina di operatori che hanno manifestato vivo interesse e coinvolgimento, arricchendo il dibattito con le questioni colte dall’esperienza quotidiana nel lavoro sul campo.

Avviato il gruppo di supporto psicologico alle famiglie

9 marzo 2013 - Al via la prima seduta dedicata ai familiari dei pazienti che compiono il percorso residenziale presso le Strutture Riabilitative della Fondazione

Al termine di un intenso e meditato lavoro preparatorio che ha coinvolto lo staff clinico della Fondazione, si è avviato un gruppo di sostegno psicologico condotto da due operatori, riservato a chiunque sia un familiare (coniuge, coppia genitoriale, figli, fratelli, sorelle) della persona in cura o altra figura di riferimento significativa e che desideri relazionarsi con persone che vivono la stessa situazione e incontrano le medesime problematiche.
L’esperienza che viene proprosta è sostenuta dalla convinzione che anche per i familiari la dimensione comunitaria possa rappresentare una risorsa utile e positiva, costituendo un “terreno” su cui si possono innestare e condividere le proprie esperienze, preoccupazioni e speranze, oltre a domande e richieste di informazioni. Sappiamo per esperienza comune, infatti, che i momenti di difficoltà possono far correre il rischio di spingere verso l’isolamento, ma possono anche costituire l’occasione per un avvicinamento reciproco con altre persone e famiglie che vivono la stessa condizione. Tramite la condivisione i partecipanti possono sentirsi compresi e contemporaneamente aumentare la propria capacità di comprensione, alleggerendo il carico di ansia che la malattia di un congiunto o il suo ricovero può produrre su tutti i membri della famiglia.
Il gruppo di sostegno multifamiliare offre pertanto il duplice vantaggio di poter fruire del supporto psicologico di professionisti esperti, ma anche del sostegno competente di altre famiglie che hanno vissuto sulla propria pelle l’esperienza della malattia, con l’obiettivo di riattivare le risorse che ogni famiglia possiede e che spesso risultano offuscate dalla solitudine e dalla sofferenza.
Il gruppo si riunisce presso la Fondazione con cadenza mensile, il secondo sabato del mese, dalle 10h00 alle 11h30, con la sola interruzione dei mesi di luglio e agosto. Per parteciparvi è necessario segnalare preliminarmente il proprio interesse alla dott.ssa Luciana Bottani, Conduttrice dell’attività.

Allegati

lettera ai familiari
questionario

Attivazione di un accordo operativo tra AS.FRA. e Dipartimento Dipendenze della ASL di Monza e Brianza

marzo 2013 - Avvio di una buona prassi operativa per il trattamento dei pazienti nei quali, insieme al disturbo psichiatrico, coesiste un disturbo dovuto al consumo di sostanze psicoattive (cosiddetti pazienti portatori di “doppia diagnosi”)

Al termine di un lavoro preparatorio svolto durante lo scorso anno con il SERT di Carate Brianza su impulso di AS.FRA., il 18 dicembre 2012 il Direttore Clinico di AS.FRA. e il dr. Maurizio Resentini, Direttore del Dipartimento Dipendenze della ASL, hanno firmato un accordo operativo che consente ai pazienti in carico ad AS.FRA. per un percorso residenziale, di accedere al SERT di Carate per effettuare il monitoraggio dell’eventuale positività all’uso di sostanze e per valutare l’incidenza della problematica legata all’abuso e alla dipendenza dalle sostanze psicoattive nel contesto della più generale problematica psichiatrica per la quale sono in trattamento.
L’accordo rappresenta un passo in avanti per l’effettiva integrazione dei trattamenti, in quanto realizza una più stretta e fluida collaborazione tanto tra ambito della psichiatria e ambito delle dipendenze, quanto tra agenzie sanitarie del pubblico e del privato sociale.
Ulteriore elemento che rende importante l’accordo operativo è rappresentato dalla possibilità che ne fruiscano anche i pazienti che sono stati presi in carico da AS.FRA. provenendo da altre ASL della Regione, ai quali la lontananza geografica dai SERT del proprio territorio impedirebbe la continuità terapeutica con il Servizio che ha maggiore competenza e strumenti per il trattamento della dipendenza dalle sostanze di abuso.

Tecniche teatrali di base e Drammaterapia

febbraio 2013 - La Fondazione AS.FRA. Onlus propone un seminario rivolto a coloro che sono interessati ad un’esperienza innovativa nell’ambito dei linguaggi espressivi

Il seminario, infatti, si inserisce in un progetto riabilitativo che vedrà tra i partecipanti gli ospiti delle Comunità residenziali della Fondazione.
Un’occasione per avvicinarsi al teatro e al suo linguaggio, ma anche per sperimentare, nel quadro di un’attività di volontariato, il contatto con una realtà di cura e con le sue potenzialità relazionali e comunicative.
Gli incontri del seminario sono gratuiti, ma prevedono un colloquio per l’accesso.

Conduttori:   Carlo Rossi (Attore professionista)
                     Emilia Leonelli (Drammaterapeuta)

Sede:            Teatro Fondazione AS.FRA, via Misericordia 51,  VEDANO AL LAMBRO

Per info:        039-491161 (int. 524)
                     333-8322508 (Emilia)

AS.FRA. in festa per il Natale 2012

15 dicembre 2012 - Celebriamo il Natale, ritrovandoci con tutti i nostri ospiti e i familiari

Avvicinandosi il Natale e l’inizio del Nuovo Anno, vogliamo far giungere il nostro augurio a tutti coloro che stimano e sostengono il nostro lavoro.
Come già negli scorsi anni, il prossimo sabato 15 dicembre festeggeremo insieme a tutti i nostri ospiti ed ai loro familiari, presso la nostra sede, con il seguente programma:
ore 10:15     Santa Messa presso la Cappella della Fondazione, in Casa San Paolo
ore 11:00     Ritrovo nel Teatro del Centro Diurno per il saluto del Presidente
                    A seguire: ascoltiamo i nostri cori
ore 12:00     Aperitivo
ore 12:30     Pranzo e scambio dei doni nelle rispettive Comunità

La gradita partecipazione di parenti, amici e visitatori necessita la preventiva prenotazione o conferma ai Coordinatori di Comunità.

Allegati

gli auguri del Presidente

Università Cattolica - Corso di “Project management nelle organizzazioni non profit e nelle imprese sociali”

7 novembre 2012 - Intervento del Presidente di AS.FRA., dott. Antonio Mandelli, al Corso promosso dall’Istituto ALTIS, Alta scuola di management dell’Università Cattolica di Milano

Ritenendo che il lavoro svolto in questi anni dalla Fondazione possa costituire un esempio di azione volta ad assicurare la continuità del perseguimento della mission originaria dell’Opera in un contesto sociale ed economico profondamente cambiato e a favorirne le possibili prospettive di sviluppo, l’Istituto ALTIS ha invitato il dott. Mandelli – all’interno dello svolgimento del proprio Corso di “Project management nelle organizzazioni non profit e nelle imprese sociali” – ad illustrare il progetto di riqualificazione, riorganizzazione e ristrutturazione che la Fondazione ha realizzato per conseguire l'accreditamento con il Servizio Sanitario Regionale.

Attività ricreativa amatoriale di calcio a ottobre

Campionato 2012-2013 - organizzato da UISP Lega Calcio Lombardia e Dipartimenti di Salute Mentale

Anche quest’anno la Fondazione partecipa con la favolosa AS.FRA. United al campionato regionale. Nella prima partita, che avrà luogo il prossimo martedì 30 ottobre presso il campo di Vedano, la nostra squadra affronterà la Lottovolante di Bergamo. Interveniamo numerosi per sostenere col nostro tifo entrambe le squadre!!

Allegati

vedi il programma dettagliato delle partite

"Un Conoscere Condiviso" - Il lavoro sanitario e psico-sociale in équipe

Dal 25 al 27 ottobre 2012 - su questo tema, si terrà il IV Convegno Operatori Psicosociali di “Medicina & Persona” a Tabiano Terme presso il Grand Hotel Astro

La partecipazione attiva della Fondazione al Convegno si esprimerà mediante l’intervento del Direttore Clinico, dr. P.R. Cavalleri, che sarà tra i partecipanti alla sessione di venerdì 26 alle ore 14:30, sul tema “Opere e la cooperazione: una risposta originale al bisogno”.

Allegati

vai alla Locandina

“Conferenza territoriale integrata” promossa dall’Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale della ASL di Monza e Brianza

20 settembre 2012 - Partecipazione di AS.FRA. al Convegno sul tema: “Tra salute mentale e salute mentale in età evolutiva: la continuità della presa in carico”

Il Convegno si svolgerà giovedì 20 settembre 2012, dalle ore 09:00 alle 17:00, presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, in via Cadore48 aMonza.

Questo appuntamento di studio si ripropone di rafforzare il collegamento tra i Servizi di Neuropsichiatria dell’area  dell’infanzia e dell’adolescenza e i Servizi di Psichiatria degli adulti, sulla base degli indirizzi assunti a livello regionale, volti a migliorare la presa in carico dei soggetti in fascia di età adolescenziale.

La partecipazione attiva della Fondazione alla giornata di studio si esprime mediante l’intervento del Direttore Clinico, dr. P.R. Cavalleri, che, insieme al prof. M. Clerici e al dr. G. Galimberti, è tra i relatori della sessione dedicata alla presa in carico terapeutica e riabilitativa dei casi cosiddetti “complessi” e “a doppia diagnosi”, dalle 14:00 alle 15:30 in aula 6.

È possibile l’iscrizione di partecipanti esterni collegandosi al seguente link: [  www.aslmonzabrianza.it   nella sezione informazioni e news link FORMAZIONE, alla voce Scheda di adesione online ].

Allegati

vai alla Locandina

Sulla stessa barca

Dal 10 al 14 settembre 2012 - la Fondazione AS.FRA. e Centro Nautico “Orza Minore” di Dervio: insieme per la magnifica esperienza del corso di vela

Anche quest’anno la Fondazione ripete l’esperienza di vacanza inaugurata lo scorso anno in collaborazione con il Centro Nautico “Orza Minore” di Dervio, LC, proponendo ai suoi ospiti la partecipazione a un corso teorico e pratico di vela, in regime di autogestione alberghiera presso la “Base” del Centro Nautico stesso.

All’interno del percorso riabilitativo, il momento della vacanza rappresenta una risorsa di particolare valore per la verifica e il potenziamento delle abilità di base, di autonomia e socio-relazionali, che vengono qui sviluppate attraverso un intervento prettamente comunitario. Caratterizzandosi come momento ludico, la vacanza offre un’occasione significativa, che permette al paziente di confrontarsi con sé stesso, con i propri limiti e le proprie paure, ma anche e soprattutto con le proprie abilità e potenzialità, per sviluppare quelle già acquisite e scoprirne di nuove, invisibili e inconoscibili all’interno della routine quotidiana. L’obiettivo che ci si prefigge mediante questo progetto è offrire un’esperienza emotivamente e concretamente significativa, in un contesto di piccolo gruppo, attraverso un contatto diretto con il mondo esterno e con la realtà naturale, che, essendo regolata da leggi ineludibili, favorisce la ristrutturazione del rapporto di realtà e la riattivazione del contatto emotivo interumano.
La fusione tra obiettivi specifici e pratici (propri dell’apprendimento della navigazione) e relazionali-esperienziali (legati alla condivisione solidale dei vari momenti della giornata, sulla barca e a terra) rappresenta un valore aggiunto di grande potenzialità. Tra i primi: conoscere la nomenclatura nautica di base e i nodi fondamentali; armare e disarmare autonomamente la barca a vela; gestire la partenza e l’arrivo in porto; riconoscere la direzione del vento e navigare in tutte le andature; eseguire le manovre fondamentali (orzare, poggiare, virare e strambare). Tra i secondi: comprendere l’importanza del lavoro di gruppo sia sulla barca sia a terra; sviluppare il valore della solidarietà e della reciprocità; sviluppare le abilità di base acquisite nel contesto comunitario; riuscire a stare in maniera appropriata in un contesto diverso da quello istituzionale; rapportarsi in maniera adeguata a persone esterne alla comunità; imparare ad ascoltare e a seguire le indicazioni dei propri responsabili, siano essi gli istruttori o gli operatori accompagnatori; rispettare le regole di buona convivenza e quelle proprie del contesto.

Il progetto, concepito sulla base dei principi ispiratori della buona pratica clinica finalizzata alla riabilitazione psichiatrica, è stato già testato con risultati positivi nell’estate 2011, con un primo gruppo di pazienti residenti nelle Strutture Riabilitative di AS.FRA., in carico alla Fondazione sia in modalità residenziale sia mediante la frequenza del Centro Diurno, inclusi pazienti sottoposti a misura di sicurezza per pericolosità sociale, previa autorizzazione del Magistrato di competenza.

L’esperienza si svolge in collaborazione con “Orza Minore”, associazione sportiva affiliata alla FIV e alla UISP vela, che opera nel settore della scuola di vela dal 1990, proponendo la realizzazione di interventi di carattere formativo/esperienziale e di riabilitazione sociale attraverso l’apprendimento della conduzione di una barca a vela, con programmi individualizzati e specifici, formulati sulle esigenze del gruppo di partecipanti.

Benvenuto, Don Ubaldo

13 luglio 2012 - Don Ubaldo Orlandelli inizia la sua presenza come Cappellano della Fondazione

Don Ubaldo Orlandelli, della Fraternità Sacerdotale di San Carlo Borromeo, sarà presente in AS.FRA. ogni venerdì mattina per conoscerne la realtà e condividerla, a disposizione degli operatori e degli ospiti che desidereranno incontrarlo. Ogni venerdì concluderà la sua presenza con la celebrazione della S. Messa alle ore 14:15 nella cappella di Casa San Paolo.

Giornata di studio

21 giugno 2012 - Attività di aggiornamento per Psichiatri e Infermieri presso l’Auditorium della Fondazione

Il 21 giugno 2012 l’Auditorium della Fondazione, presso il Centro Diurno, ospiterà la giornata di studio organizzata da Planning congressi Srl con la sponsorizzazione dell’azienda farmaceutica Janssen, sul tema dei nuovi approcci terapeutici alla schizofrenia.
Il corso, accreditato nel programma di Educazione Continua in Medicina per le categorie di Medico Chirurgo (disciplina: Psichiatria), Psicologo e Infermiere Professionale, sarà introdotto dal prof. Massimo Clerici, dell’Università di Milano Bicocca, e svolto dai dottori Milena Provenzi, Vincenzo Raucci e Giuseppe Giunta.

Spettacolo Teatrale

24 maggio 2012, ore 20:30 - Serata conclusiva dell’attività 2011-2012 del Laboratorio Teatrale di AS.FRA., presso l’Auditorium della Fondazione

Giovedì 24 maggio si conclude, per l’anno 2012, il percorso del Laboratorio Teatrale, iniziato nell’ottobre scorso con la conduzione dell’attore Carlo Rossi, affiancato da Serena Vailati, educatrice, e da Emilia Leonelli, drammaterapeuta, entrambe appartenenti all’équipe della CRA “R1”.
La collaborazione con un attore professionista, esterno al mondo degli operatori della riabilitazione, che per la prima volta affianca gli operatori di AS.FRA. nella conduzione di un’esperienza che già da vari anni caratterizza i percorsi riabilitativi offerti ai nostri pazienti, ha permesso ai partecipanti all’attività del laboratorio teatrale di sperimentare le proprie capacità espressive e di affinarle in un contesto di reale professionalità.
Gli attori saranno impegnati in una serie di improvvisazioni sul tema della gag comica e saranno accompagnati al pianoforte, dal vivo, da una dei partecipanti al laboratorio stesso.

Allegati

vai alla Locandina Teatro

Incontrarsi per cantare

4 maggio 2012 - Cinema Teatro Santa Maria - via Segramora 15, Biassono

Anche quest’anno la Cooperativa sociale "Il Seme" del Comune di Biassono promuove e organizza una manifestazione canora che raccoglie alcune esperienze significative nell'ambito del disagio sociale. Tra le realtà partecipanti, nel segno di una collaborazione avviata nel corso degli anni, ci sarà anche il coro di AS.FRA., composto da ospiti ed operatori che provengono dalle Strutture Residenziali e dal Centro Diurno della Fondazione.

La Fondazione al Rotary Club

13 aprile 2012 -

Venerdì 13 aprile, il presidente Antonio Mandelli ed il direttore clinico dottor Pietro R. Cavalleri hanno avuto l’opportunità di presentare la Fondazione al Rotary Club Monza Est.
L’illustrazione della missione della Fondazione, della figura di Adele Bonolis, delle modalità di attenzione agli ospiti secondo il principio della carità cristiana, dell’attività terapeutica e riabilitativa che vengono svolte quotidianamente, dei criteri gestionali che ne reggono l’organizzazione, hanno suscitato l’interesse, affatto di circostanza, dei “rotariani” che partecipavano all’incontro conviviale.
I partecipanti, attraverso la proiezione di alcune slides, hanno potuto anche cogliere la gradevolezza  degli ambienti nei quali le attività della Fondazione si svolgono.
Numerose sono state le domande e gli approfondimenti, anche dopo la conclusione dell’incontro.
Il presidente ha colto l’opportunità per proporre al Rotary la sponsorizzazione di alcuni progetti finalizzati al miglioramento delle attività della Fondazione indirizzate agli ospiti e, ovviamente, la devoluzione del “5 per mille”.

Per conquistare l’orizzonte bisogna desiderare l’infinito:

20 marzo 2012 - al via! il Cineforum presso il Centro Diurno, con 6 film avvincenti ambientati nel mondo dello sport

A partire dal prossimo lunedì 16 aprile, ogni quindici giorni, dalle ore 13:30 alle ore 15:30, presso il Teatro del Centro Diurno si svolgerà il cineforum aperto a tutti gli ospiti, secondo il calendario e il programma che qui vengono pubblicati.
Il ciclo, presentato e commentato dal critico cinematografico Beppe Musicco, si propone di immergere gli spettatori nel clima emozionante della sfida sportiva, modalità intensa di rapporto con il reale all’interno della quale l’azione agonistica diviene una grande occasione per conoscere se stessi.

Le date delle proiezioni:
lunedì 16 aprile 2012              COLPO VINCENTE
lunedì 30 aprile 2012              RUNNING BRAVE
lunedì 14 maggio 2012           MIRACLE
lunedì 28 maggio 2012           COOL RUNNINGS
lunedì 11 giugno 2012            IMBATTIBILE
lunedì 25 giugno 2012            UN SOGNO, UNA VITTORIA

Allegati

vai alla Presentazione Cineforum AS.FRA.

Torneo Regionale di Calcio A.N.P.I.S.

marzo 2012 - Inizia il Campionato di Calcio a otto

Parte il torneo delle Società affiliate all’Associazione Nazionale Polisportive per l'Integrazione Sociale, che vedrà impegnate le squadre fino al mese di maggio. Qui di seguito potete trovare il calendario e i campi in cui si svolgeranno le partite.
La nostra squadra si è preparata ed allenata a fondo per disputare gli incontri. Sosteniamola col nostro tifo!

Allegati

vai a Calendario 2011 - 2012
vai a Società e Campi di gioco

Apprezzamento da parte dell’Ufficio del Magistrato di Sorveglianza del Tribunale di Milano

27 febbraio 2012 -

Al termine dell’udienza per l’aggiornamento della misura di sicurezza da applicare a un paziente ospite della Fondazione, il Magistrato di Sorveglianza del Tribunale di Milano ha scritto, nel dispositivo che recava le proprie decisioni, il seguente apprezzamento rivolto agli operatori della Comunità: “… sia consentito sottolineare [come la presenza all’udienza] del Coordinatore della comunità dimostri una straordinaria partecipazione ed impegno da parte degli operatori coinvolti nella cura del [paziente], oltre che una non comune collaborazione con l’Autorità Giudiziaria”.