Lo scopo del lavoro riabilitativo

…consiste nell’individuare e attuare le possibili forme di sostegno, così da aiutare il paziente a riacquistare maggiore autonomia e indipendenza nella vita quotidiana: cura della persona, igiene personale, capacità relazionale, capacità di muoversi autonomamente nell’ambiente esterno.
art. 1 del Regolamento interno delle Strutture Residenziali della Fondazione AS.FRA.

La bacheca di AS.FRA.

News ed eventi - maggio 2016

Antonio Mandelli lascia ad Alessandro Pirola la carica di Presidente della Fondazione

9 maggio 2016 - La ratifica del passaggio di consegne da parte del Consiglio di Amministrazione di AS.FRA.

Con lo stile asciutto, sobrio e concreto che ha caratterizzato la sua conduzione, il dott. Mandelli ha lasciato la funzione di Presidente e Direttore Generale della Fondazione, che aveva assunto nel novembre 2008.

Entrato nel Consiglio di Amministrazione dell’ente nel giugno del 2004, partecipò con l’allora Presidente Luciano Medici ad immaginare il profondo mutamento che sarebbe derivato dalla realizzazione della nuova Casa Iris, gestendo poi la fase di riorganizzazione amministrativa ed operativa implicata dal passaggio dal regime di convenzione con la Regione Lombardia a quello di accreditamento con il Servizio Sanitario Regionale, il cui iter venne completato all’inizio del 2010.

Sono seguiti, poi, anni di impegno quotidiano intenso, nel quale la cura per le singole persone – operatori e ospiti – e per i dettagli della vita quotidiana si è fusa con la visione dell’orizzonte complessivo della dimensione del welfare entro cui il lavoro della Fondazione si inserisce, vissuta con la profonda convinzione personale – da lui comunicata fin dal primo incontro, nel settembre 2009, con i familiari dei pazienti in carico alla Fondazione – che la passione per le persone, che porta a condividerne i bisogni e a servirle, esprime la consapevolezza che in esse sia reso il servizio a Dio.

Tutte le persone che in questi anni lo hanno affiancato nel lavoro in AS.FRA. lo salutano esprimendogli la gratitudine per la testimonianza ricevuta, che a ciascuno ha reso un po’ più evidente la concretezza e la bellezza di questo servizio.

Ad Alessandro Pirola, già membro fin dal 2010 del Consiglio di Amministrazione di AS.FRA., impegnato da molti anni in associazioni del mondo sanitario e profondo conoscitore sia della gestione di aziende e strutture sanitarie, sia del ruolo e della funzione che un soggetto non-profit può svolgere all’interno delle problematiche riguardanti il servizio alla persona, tutti gli operatori e i collaboratori della Fondazione augurano che la sua azione energica e generosa possa sempre più sviluppare nell’attuale contesto socio-culturale le preziose implicazioni dell’opera fondata da Adele Bonolis.

Il saluto del Presidente Mandelli

Dal 9 maggio scorso ho lasciato la carica di Presidente e la conduzione della Fondazione, che il Consiglio di Amministrazione mi aveva affidato più di sette anni fa. La decisione è stata indotta principalmente da motivi strettamente famigliari, ma anche dal desiderio di lasciare spazio a persone giovani e preparate che, sono certo, saranno in grado di condurre la Fondazione anche meglio di me e potranno esse stesse crescere in esperienza ed umanità. Io continuerò a dare il mio contributo in qualità di componente del Consiglio di Amministrazione.

Lungi da me fare un bilancio del lavoro fatto per dare solidità e prospettive alla Fondazione, desidero invece comunicare che questi anni son stati per me personalmente pieni di occasioni per imparare ancora (grazie a Dio non si smette mai di imparare, anche alla veneranda età di 76 anni) e particolarmente significativi.

La Fondazione è, da questo punto di vista, un’occasione privilegiata per accompagnarsi ad una compagnia di ospiti, che vivono problematiche di salute veramente complesse ed in gran parte misteriose, che Dio ci affida affinché possiamo in essi servirLo e verificare quanto davvero la nostra fede ci può rendere più ricchi umanamente. Avere di fronte quotidianamente il limite alla persona, che si impone nonostante tutti i nostri sforzi e buoni propositi, dà l’occasione di accettare tutti i nostri stessi limiti ed errori e la chiara percezione che dipendiamo da un Altro che ci ama.

Voglio anche ringraziare tutti i collaboratori per la cordialità di rapporti che mi hanno consentito di instaurare e per il loro contributo professionale, che fanno sì che in Fondazione AS.FRA. si viva un clima che la rende “diversa” ed umanamente accogliente.

Auguro a tutti un buon lavoro per un continuo sviluppo della capacità di accoglienza della Fondazione secondo l’intendimento della Fondatrice dell’opera, Adele Bonolis, e di coloro che mi hanno preceduto nella carica.

Antonio Mandelli


Note Biografiche

Nato a Cremona nel 1940: coniugato, padre di sette figli e nonno di 22 nipoti (alla data di novembre 2011). Laureato nel 1964 in Scienze Economiche presso l’Università Bocconi.

Dal 1965 al 2001 ha lavorato con funzioni manageriali nell’area della finanza e del controllo di gestione e, negli ultimi anni come amministratore delegato, anche in diversi gruppi multinazionali quali Alivar (De Rica, Bertolli, Pavesi, ecc.), Rank Xerox, Mellin e Star Industria Alimentare, Industrie Grafiche Seregni. In particolare dal 1982 al 1992 è stato direttore generale del quotidiano Avvenire.

Attivo da sempre nel mondo del terzo settore quale fondatore e gestore nel mondo della cooperazione, delle fondazioni operanti nel settore socio-assistenziale, dell’associazionismo con finalità culturali.

Dal 2001 ha iniziato a dedicarsi prevalentemente a tale area di attività, ricoprendo fino al 2008 la carica di presidente nazionale dell’area non profit della Compagnia delle Opere.

In seguito, Presidente della Fondazione AS.FRA. onlus, Presidente della Fondazione Andrea Mandelli che gestisce una scuola frequentata da 600 alunni, Vice Presidente della Banca di Credito Coop. di Carugate (Istituto che opera nelle province di Milano, Lecco, Como, Monza Brianza), membro del Comitato per lo Sviluppo di Banca Prossima, Consigliere della Fondazione Nazionale del Banco Alimentare, Consigliere di CSR cooperativa Sociale che con un migliaio di dipendenti soci opera nel campo sanitario, consulente di aziende che operano nel campo della grafica e dell’editoria.

Appasionato di alpinismo, insieme ai figli ha scalato le principali cime delle Alpi.


Fotogallery

L’avvicendamento nel delicato ruolo di Economo e responsabile dei Servizi Tecnici di AS.FRA.

Maggio 2016 - Aldo Tardivo va in pensione e lascia il testimone a Gianni Cambiaghi

Dopo oltre 20 anni dedicati ad AS.FRA., impegnati a garantire, giorno per giorno, che tutto ciò che è necessario per l’accoglienza delle persone (ambienti, impianti, rifornimenti, mezzi e risorse) fosse presente, perfettamente funzionante e a disposizione di operatori e ospiti, Aldo Tardivo ha lasciato l’incarico, accompagnato dalla gratitudine di tutti coloro che in questi anni hanno potuto conoscerlo e apprezzare la sua capacità di mettere a disposizione, silenziosamente, le proprie energie.

Siamo certi che i nipotini, ai quali sta per dedicarsi in funzione di nonno, sapranno mantenere intenso e gratificante il ritmo delle sue giornate. 

A Gianni Cambiaghi, che giunge in AS.FRA. per assumere le funzioni lasciate da Aldo, la Fondazione dà voce al sentimento di tutti, colleghi e operatori, nell’esprimere il benvenuto e nell’augurare buon lavoro.


Fotogallery