Lo scopo del lavoro riabilitativo

…consiste nell’individuare e attuare le possibili forme di sostegno, così da aiutare il paziente a riacquistare maggiore autonomia e indipendenza nella vita quotidiana: cura della persona, igiene personale, capacità relazionale, capacità di muoversi autonomamente nell’ambiente esterno.
art. 1 del Regolamento interno delle Strutture Residenziali della Fondazione AS.FRA.

La bacheca di AS.FRA.

News ed eventi - dicembre 2016

Festa di Natale 2016

- “Eredità spirituale di una grande donna”, ha definito AS.FRA. Mons. Paolo Martinelli, vescovo ausiliare della diocesi di Milano

“La vostra realtà sanitaria nasce dalla intuizione del cuore di una donna, intelligente, sensibile, attenta al bisogno di altre donne in sofferenza ed umiliate, capace di prendere iniziative adeguate per fronte al bisogno delle persone in grave difficoltà. AS.FRA., dedicata al disagio mentale, è eredità dell’esperienza spirituale di questa grande donna”. Queste parole ci ha rivolto Mons. Martinelli durante la celebrazione della Messa che ha aperto l’annuale festa di Natale di AS.FRA sabato 17 dicembre.

Una festa davvero speciale, quella di quest’anno. Non soltanto perché è la prima della nuova presidenza del dott. Alessandro Pirola, ma perché ha visto davvero protagoniste le persone che questa realtà vivono e costruiscono giorno per giorno. Primi fra tutti gli ospiti, che si sono esibiti in teatro con il canto, gli operatori, che hanno replicato anch’essi con canti corali e anche i familiari: sul palco è salita infatti anche la figlia, pianista di raro talento, di un nostro dirigente. Gli operatori hanno poi allietato i presenti con un pranzo conviviale nelle diverse comunità, terminato soltanto a pomeriggio inoltrato. Grande come da tradizione la partecipazione: non hanno voluto mancare i familiari, i dipendenti presenti e passati, tutti gli amici.


Fotogallery

Il messaggio di S.E. Mons. Paolo Martinelli

- Un estratto dall’omelia pronunciata dal vicario episcopale nella celebrazione della Santa Messa di Natale

Un caro saluto a tutti voi, fratelli sorelle, ai dirigenti, agli operatori, ai volontari e agli ospiti in questa casa, insieme ai parenti.

Sono lieto di celebrare questa santa Messa in questa sede dell’AS:FRA., “Associazione Fraterna”, fondata quasi 60 anni dalla serva di Dio Adele Bonolis.

(…) E’ bello ricordare in questo giorno anche il santo Padre, papa Francesco nel giorno del suo ottantesimo compleanno. (…) Tutta la Parola di Dio che abbiamo ascoltato ci parla di vicende al cui centro troviamo  donne (…), al limite della disperazione, persone diverse di cultura e di religione, che decidono di rimanere insieme, di fare un patto, un’alleanza per amore della vita. Queste due donne riconoscono un legame più forte delle circostanze avverse e delle loro diversità.

(…) Incontriamo poi nel vangelo la vicenda di Zaccaria ed Elisabetta, dai quali nasce Giovanni Battista, il precursore, colui che prepara la venuta del Signore Gesù, con lo “Spirito di Elia”, ci racconta il vangelo.

(…) Ormai al limite dell’impossibile, a Zaccaria viene annunciata la nascita di un figlio in tarda età. “A Dio nulla è impossibile”, è sempre la grande affermazione della Sacra Scrittura in questi giorni.

Tutti questi racconti, che hanno come protagoniste donne, ci mostrano che è possibile l’impossibile.

(…) Questo orizzonte ci permette di cogliere anche la storia della vostra realtà, fondata da una donna, Adele Bonolis, serva di Dio, di cui è in corso il processi per la beatificazione, che speriamo possa andare presto a buon fine.

La vostra realtà sanitaria nasce dalla intuizione del cuore di una donna, intelligente, sensibile, attenta al bisogno di altre donne in sofferenza ed umiliate, capace di prendere iniziative adeguate per fronte al bisogno delle persone in grave difficoltà.

Questa “As.fra”, dedicata al disagio mentale, è eredità dell’esperienza spirituale di questa grande donna.

La sua opera, la vostra casa, ebbe esplicito incoraggiamento e sostegno della arcidiocesi di Milano, in particolare dell’allora Cardinale Montini, oggi beato Paolo VI, e poi del Cardinale Martini, che venne a visitare questa casa e a dare il suo esplicito sostegno.

La Chiesa di Milano sente profondamente la bontà e la provvidenzialità di una esperienza come la vostra.

L’attenzione specifica al disagio mentale grave è espressione di una grande misericordia. In una società come l’attuale, spesso imbarazzata di fonte a questo tipo di malattia, c’è bisogno dell’opera generosa, fatta con competenza e dedizione, con amore e passione per il destino buono dell’altro in difficoltà.

Possa dunque la figura di Adele Bonolis ispirare sempre lo stile di questa grande opera.

Possa il santo Natale, in cui facciamo viva memoria della tenerezza di Dio per ogni uomo, in particolare per chi si trova in condizioni di disagio e di sofferenza, infondere coraggio, dedizione generosa(…). La Madonna, madre di Dio e madre nostra, interceda presso il Padre celeste perché nei nostri cuori ci sia la letizia e la gioia di sapersi amati incondizionatamente, voluti, desiderati e prenderci cura gli uni degli altri nell’amore.