Lo scopo del lavoro riabilitativo

…consiste nell’individuare e attuare le possibili forme di sostegno, così da aiutare il paziente a riacquistare maggiore autonomia e indipendenza nella vita quotidiana: cura della persona, igiene personale, capacità relazionale, capacità di muoversi autonomamente nell’ambiente esterno.
art. 1 del Regolamento interno delle Strutture Residenziali della Fondazione AS.FRA.

La bacheca di AS.FRA.

News ed eventi - maggio 2017

Vita giornaliera in As.Fra.

maggio 2017 - La bella stagione è finalmente iniziata ed il nostro bellissimo giardino diventa il teatro di nuovi incontri e attività


Fotogallery

Il lavoro riabilitativo messo alla prova: tra consenso e obbligo alla cura

Mercoledi’ 17 maggio e mercoledi’ 7 giugno, ore 14.00 / 17.00 - presso il Teatro della Fondazione As.Fra.

Si volgerà nelle giornate di mercoledì 17 maggio e 7 giugno l’incontro formativo che si propone di focalizzare la riflessione sul problema, con cui non possiamo evitare di confrontarci tutti i giorni, di come fare per guadagnare il consenso del soggetto nei confronti del processo di cura, soprattutto là dove – come spesso accade nel nostro caso – si avvia in forma coatta.

Il primo intervento “Possiamo organizzare una rete di servizi così perfetta da garantire l’automatica adesione dei singoli cui si rivolge?” sarà svolto dal dott. Franco Milani, dirigente della Struttura "Salute mentale e penitenziaria e interventi socio sanitari", della direzione generale welfare Regione Lombardia; il secondo dal professor Raffaele Bianchetti, della Cattedra di Criminologia e Criminalistica, Dipartimento di Scienze Giuridiche "Cesare Beccaria" dell’Università degli Studi di Milano, il quale tratterà la tematica del consenso informato “Come prende forma il consenso informato quando, come avviene nel percorso riabilitativo psichiatrico, la prestazione non consiste in un atto singolo e puntuale, bensì in una pluralità di interventi collegati, complessi e continuativi?”

Il secondo incontro, il 7 giugno, assumerà la forma di Tavola Rotonda “Come conciliare, nel lavoro terapeutico, l’aspetto giuridico con quello clinico e riabilitativo?” a cui parteciperanno la dott.ssa Giovanna Di Rosa, Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano e la dott.ssa Severina Panarello, Direttore dell’Ufficio Esecuzione Penale Esterno (UEPE) di Milano e Lodi, del Ministero di Giustizia. Vorremmo affrontare il paradosso costituito dalla conciliazione, necessaria nel lavoro terapeutico, tra l’aspetto giuridico (che determina un obbligo estrinseco alla cura) e quello clinico-riabilitativo, che richiede l’adesione del soggetto. Gli incontri si svolgeranno dalle 14.00 alle 17 presso la nostra sede, in via della Misericordia 51 a Vedano al Lambro.

Iscrizioni sul sito Fondazione Maddalena Grassi

Allegati

La locandina dell’evento

Devozione Mariana del mese di maggio

Martedì 9 maggio ore 21 - Recita del Santo Rosario presso la Madonnina del giardino di Casa San Paolo

In una limpida serata di maggio, con la presenza di don Eugenio Dalla Libera, parroco di Santo Stefano protomartire, e la partecipazione dei parrocchiani e degli ospiti delle nostre Strutture, si è proseguita la devota tradizione che continua nei luoghi del territorio vedanese e della sua comunità ecclesiale.

"anche la luna ha pregato con noi..."


Fotogallery